A San Foca, Sapori d’Italia

Quando l’estate entra nel vivo ecco diffondersi tutti i sapori più gustosi dell’Italia.
In 20 Regioni italiane esistono una miriade di piatti tipici, senza contare formaggi, salumi e prodotti locali a marchio IGP, DOP, DOCG, che sono ‘etichette’ di riconoscimento locale, di unicità e di qualità di un prodotto. Anche sui dolci ogni realtà ha la propria cultura e tradizione dalle quali nascono i dolci tradizionali locali.
Scaloppine, Insalata caprese, Bistecca alla fiorentina, Mozzarella in carrozza, Gnocchi alla Sorrentina, Mozzarella di bufala del Consorsio Campano, prodotti Norcini con la famosa e originale Porchetta d’Ariccia, olive ascolane, risotto alla milanese, bruschette, melanzane alla parmigiana, pizza napoletana, cozze gratinate tarantine: sono solo un esempio dei piatti che si potranno trovare sugli stand allestiti nell’incantevole cittadina di San Foca (Melendugno)
Il tutto verrà servito con gentilezza sorridente, a tutti quelli che vorranno trascorrere delle serate all’insegna del buon gusto, della serenità e dell’allegria.
L’evento partocinato dal Comune di San Foca ha tutte le caratteristiche per continuare ad essere perpetuato, e diventare un’evento simbolo di San Foca che possa ripetersi anche nei prossimi anni.

Parteciperanno varie regioni del nord, del centro e del sud Italia, con i più suggestivi prodotti da nicchia e DOP. Alcune regioni cucineranno i loro piatti tipici, confrontandoli con quelli salentini. Si potranno degustare i prelibati ricci di San Foca insieme ai frutti di mare tipici del Salento, che affiancheranno le prelibatezze del resto d’Italia. La cucina salentina tradizionale di estrazione popolare, si fonda su piatti semplici e sbrigativi ma ricchi di gusto; i salentini hanno sempre snobbato le pietanze troppo complicate ed elaborate a favore di una cucina rustica e gustosissima.

Sarà allestita una galleria di degustazione di vini da parte di eccellenti cantine salentine e sommelier per la degustazione. Le vie e le piazze del centro storico di San Foca cambieranno i sapori delle calde giornate estive perchè sarà possibile degustare vini salentini di ogni tipo intervallando con assaggi di vini di altre regioni.

Verranno prodotti in loco i dolci salentini (pasticciotti e torte) che saranno affiancati dai dolci siciliani (cannoli), e un posto speciale avranno i piatti romani: i punti forti di questa cucina sono i cosiddetti “quinto quarto” ovvero ciò che rimane della bestia vaccina o ovina dopo che ne erano state vendute ai ricchi le parti pregiate. Quinsi si tratta delle interiora: la trippa, i rognoni ovvero i reni, il cuore, il fegato, la milza, le animelle e gli schienali, ovvero il cervello e la lingua. Il burro nella vera cucina romana è usato veramente molto poco perchè sostituito dallo strutto di maiale e dall’olio.

Ci sarà spazio anche per la musica leggera e la musica popolare, quella cantata col solo accompagnamento dei tamburelli: l’intervento strumentale negli antichi canti popolari salentini, dominio della pura vocalità, è pressoché nullo in quanto la compiutezza melodica del canto non lo richiede. Al massimo verranno usati delicati strumenti a percussione, adatti a sottolineare il ritmo di un brano musicale, magari di una tipica pizzica, perchè hanno anche un’importante funzione coloristica ed espressiva. E tutti verranno convolti.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *