Aldo Ciccolini e La 71ª Stagione Della Camerata

Il 27 Ottobre 2012 il Petruzzelli di Bari cala il primo vero asso della stagione: un musicista schivo, sensibilissimo, lontano dai riflettori, Aldo Ciccolini. A 85 anni, è uno dei grandi maestri di fama mondiale, che, cresciuto in una famiglia originaria di Parma e della Sardegna, è nato a Napoli dove fin da giovanissimo ha studiato pianoforte e direzione d’orchestra.
Grazie alla sua famiglia ha avuto l’opportunità di entrare in contatto con il mondo musicale prestissimo: il padre era molto affascinato dalla musica e dagli strumenti, quindi è stato lui a farlo avvicinare a questa realtà. All’inizio era un gioco, era qualcosa di divertente, come spesso Ciccolini racconta al suo pubblico, un mezzo con cui stare bene con gli altri e scambiare emozioni diverse; presto Ciccolini comprese che doveva solo scegliere se farne parte o no, e a quel punto iniziò ad amare la musica ancora di più tuffandosi totalmente nel mondo dei suoni.
Oggi i suoi pianisti di riferimento sono Wilhelm Backhaus, Walter Gieseking, Arthur Schnabel, Wilhelm Kempff, Arturo Benedetti Michelangeli. Lo hanno chiamato “poeta del pianoforte” e lo giudicano uno dei più grandi messaggeri del genio della musica: Aldo Ciccolini, il pianista che considera l’arte musicale come una missione, inaugurerà la 71ª Stagione della “Camerata” il 27 ottobre al Teatro Petruzzelli.

Ciccolini, che ama le grandi città di mare e con il porto come Bari, ha appena trionfato proprio nella sua città natale, un récital tutto esaurito al Teatro di San Carlo. presenterà la musica di Mozart e di Franz Liszt, uno dei più grandi innovatori della storia della musica, come lui lo definisce.
Il successo folgorante che la Francia gli aveva tributato, ancora giovanissimo,  liberò in lui la passione per la musica francese, della quale diventò il più ardente difensore.

Il talento è l’inclinazione naturale di una persona a far bene una certa attività, e Ciccolini è un esempio eccellente di talento musicale, anche se appare molto amareggiato per il futuro della musica: teme che la musica in Italia non abbia un futuro, che l’arte sembri dare fastidio, e sia vista come un lusso inutile, a vantaggio di altre forme di espressione discutibili. Nonostante ciò, a Bari si prevede un tutto esaurito. Ascoltare la musica che esce dagli strumenti del Ciccolini, fa comprendere che l’artista, anche il più grande, non è nulla davanti alla tastiera: è solo un uomo come gli altri, ma c’è qualcosa che lo spinge, che lo fa vivere nella musica. Ciccolini insegna che non esiste la musica come promozione sociale e come divismo, e che non esistono neppure i concertisti, i quali sono solo dei servitori.
Con questo spirito umile si presenterà al Petruzzelli, nonostante Ciccolini abbia fatto musica con alcuni dei giganti del Novecento, come Alfred Cortot,  e Wilhelm Furtwängler, con cui ha avuto il privilegio di suonare da giovane.

Bari
Teatro Petruzzelli
Per info: 080.5211908
Oppure 080.975.28.40

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Un pensiero su “Aldo Ciccolini e La 71ª Stagione Della Camerata

  1. L’asso viene calato dalla Camerata Musicale Barese, nell’ambito della propria 71^ Stagione concertistica e non già il Teatro Petruzzelli.
    Chiediamo rettifica.
    Grazie.
    Il Direttore Artistico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *