Augustale D’oro a Torremaggiore

L'”Augustale d’Oro” di Federico II è una moneta in cui nel recto è incisa l’effigie di Federico con un mantello cesareo con l’alloro in testa come gli Imperatori romani, e vi è scritto: IMP(erator) ROM(anorum) CAESAR AUG(ustus). Nel verso c’è l’immagine di un’aquila, simbolo degli Imperatori romani e svevi e la scritta Fridericius. L’Augustale, oltre alle funzioni delle altre monete, serviva per diffondere l’immagine dell’Imperatore come successore di Cesare Augusto, infatti le monete somigliano molto a quelle di epoca Augustea.
L'”Augustale d’Oro” in Puglia è invece un concorso di saggistica in onore di Federico II, che era rivolto a tutti coloro che volessero presentare un elaborato inedito di storia sociale, artistica, architettonica e giuridica, con particolare riferimento al territorio pugliese, che documentasse la presenza di una civiltà che coniugasse la tradizione con l’innovazione, i cui riflessi sono ancora percepibili nella società attuale.
Il concorso si terminerà con una suggestiva cerimonia a Torremaggiore, cittadina che si considera per antica tradizione degna erede della distrutta città medievale di Fiorentino, dove morì Federico II nel 1250.

Torremaggiore oggi è uno dei centri più affascinanti della provincia foggiana, e del suo passato più remoto attualmente restano il suo bel castello merlato a torri cilindriche angolari, e tracce di un castello svevo. Molto cara ai cittadini di Torremaggiore è la Chiesa di Maria Santissima della Fontana, con l’adiacente piazza dell’Incoronazione.
Al centro della cittadina, dal punto di vista culturale, è l’Associazione “don Tommaso Leccisotti”, che con il Patrocinio del Comune di Torremaggiore e della Regione Puglia, ha indetto il concorso nazionale di saggistica storica Premio “Augustale D’Oro”, istituito nel 2007 e organizzato con il Comune di Torremaggiore.

Il concorso dunque  intende valorizzare il patrimonio storico-culturale-architettonico del territorio regionale pugliese, nonchè le risorse umane che ne fruiscono. I lavori presentati si dovevano basare su documenti storici, archeologici, letterari, di tradizione popolare o regionale, e dovevano riportare in calce la bibliografia o le fonti di consultazione utilizzati. Numerosi infatti sono le fonti che narrano di Federico II in una località adesso conservata come un sito archeologico di grande importanza, castel Fiorentino: la leggenda vuole che qui si fosse spento l’imperatore Federico II, avverando le previsioni del suo scrivano di corte, che predisse la morte dell’imperatore svevo in una località dal nome di un fiore.
Al di là della leggenda, attorno al mito di Federico II questa parte di Torremaggiore ha sviluppato negli anni un interesse storico ragguardevole, che ha finito per generare un indotto turistico ma soprattutto culturale di grande rilievo.

Le opere del concorso sono state selezionate in questi mesi da una giuria qualificata (un docente universitario, un esperto del Centro organizzatore, un esperto del Comune di Torremaggiore), e verranno giudicate; l’opera vincitrice sarà pubblicata a cura del Centro Attività Culturali “Don Tommaso Leccisotti” e verrà premiata con “l’Augustale d’oro”, durante una pubblica cerimonia  a Torremaggiore, il 15 Giugno 2012. Il premio consiste in una creazione aurea originale di maestri orafi di Capitanata, che ha riprodotto a mano, con competenza artistica, la celebre moneta d’oro, emessa dalla zecca imperiale di Federico II di Svevia, denominata appunto Augustale.

Per info:
Centro Attività Culturali “Don Tommaso Leccisotti”
via Ing. Filippo Celozzi, 6
71017 Torremaggiore (Fg)
e-mail: centroleccisotti@corteostorico.it

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *