Caccia alle lucciole a Roseto Valfortore

Se tutta la famiglia ama la natura, gli animali e soprattutto le lucciole; se si cercano nuovi percorsi nella natura dove passare il tempo libero per far divertire i bambini; se si vogliono imparare tante cose sul mondo degli insetti, “Caccia alle lucciole”  è un evento che offre queste occasioni.
Si tratta di una interessante iniziativa organizzata per i giovanissimi: non c’è niente di meglio che una passeggiata in natura, una piccola avventura per osservare le lucciole, rilassarsi, giocare all’aperto, fare un bel pic nic.

“Caccia alle lucciole” è una bella e simpatica iniziativa organizzata per far scoprire ai bambini e ai ragazzi nuovi itinerari per le passeggiate in natura. Trasforma la gita fuori porta in un’esperienza utile e divertente a contatto diretto con la natura.
Si scopriranno percorsi naturalistici, e soprattutto si imparerà a conoscere meglio questi insetti meravigliosi.
Presso l’Os.E.Ap. (Osservatorio di Ecologia Appenninica) di Roseto Valfortore è in programma la “Caccia alle Lucciole” il 14 luglio 2012. Sarà un’affascinante serata ricca di giochi di gruppo e di curiosità seguita da una divertente caccia alle lucciole, che appaiono in genere nelle prime ore di caldo dell’estate. Luglio, il mese del grano e delle lucciole, organismi viventi che caratterizzano le notti di queste settimane e che hanno accompagnato l’infanzia di molti che oggi sono adulti.


Si tratta di coleotteri lunghi 8-10 mm, come verrà spiegato da esperti dell’Osservatorio di Ecologia Appenninica e il maschio e la femmina sono molto diversi tra loro: il maschio è un buon volatore, possiede ali membranose e coriacee; la femmina invece ha un aspetto larvale e non vola affatto.
Il luccichio delle notti estive che caratterizzerà questa avventura a Roseto Valfortore, è dato dal volo dei maschi. Le femmine si fanno notare mentre si muovono tra i rami, camminando  nel muschio e nell’erba, comunicando la loro disponibilità all’accoppiamento con luce intermittente.
I maschi attirati dalla luce emessa dalle femmine sono in grado di raggiungerla seguendo la sua luce e la sua scia odorosa.
Dopo l’accoppiamento il maschio muore e la femmina sopravvive solo alcuni giorni . IL tempo per deporre 70 -100 uova a piccoli gruppi tra i sassi, nelle fessure della terra, tra le foglie.
Le larve in autunno poi cominceranno subito a cacciare, sono carnivore, vivono tra le foglie, erba oppure nel muschio. Dalla nascita fino a due anni, le larve hanno il solo obbiettivo di nutrirsi e di crescere.

L’iniziativa è organizzata da EGIALEA, la società che si occupa di turismo e gestisce la rete dei Centri Visita dislocati nei vari comuni dei Monti Dauni, e durante tutto l’anno organizza numerosi eventi atti a valorizzare questo affascinante territorio.

Dopo  l’avventura della caccia alle lucciole, i ragazzi muniti di sacco a pelo, torneranno al Centro Visita dove trascorreranno tutta la notte in compagnia di affidabili operatrici EGIALEA.

Per info:
0885.653199 – 333.8609919

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *