Cagnano Varano e la Sagra del Pesce

Nei pressi del suggestivo Lago di Varano, sorge la ridente e accogliente cittadina di Cagnano Varano, la cui economia è legata quasi esclusivamente alla pesca, oltre che al turismo. Il Gargano è da sempre una delle tappe obbligate per la pratica della pesca sportiva d’acqua dolce in Puglia: la zona del Lago di Varano è diventata, infatti, una tradizionale meta del turismo lacustre in Puglia, richiamando frotte di turisti, in particolare stranieri, ottenendo prestigiosi riconoscimenti anche dai principali enti ed istituti nazionali.

Le origini di Cagnano Varano sono molto antiche, e alcuni studiosi le fanno risalire al periodo della dominazione  romana. Numerose bellezze architettoniche come il Palazzo Baronale e la Chiesa S.Maria della Pietà, infatti, fanno della cittadina un luogo splendido. E’ da queste parti che è possibile praticare l’appassionante pesca sportiva nel Gargano sul lungolago, godendosi sensazioni di grande calma, relax e tranquillità.
E’ da queste parti che l’antico Villaggio di Pescatori, che ancora oggi si può visitare in località Bagni, permette di comprendere appieno il rapporto della gente di Cagnano Varano con l’acqua e i pesci.
Alla sagra si potranno gustare orecchiette lago mare, insalata di mare, frittura mista, pepate di cozze, alici marinate, ricci, piccoli polpi e seppioline, ma anche arrosto, pizzarelle, formaggi, verdure, sottoaceti, marmellate e dolci locali; in questa cittadina il pesce è la fonte principale dell’economia e il mare è prezioso come l’oro: palchi appositamente allestiti intratterranno i turisti con danze e canti popolari.
Famose e ben rappresentate saranno le prelibatezze marinare crude, condite con limone e olio, e cozze crude oppure cotte.


Cagnano Varano è una cittadina sofisticata ed indaffarata di pescatori, di costruttori di barche e gente di affari che fornisce qualunque cosa una cittadina può fornire alla sua popolazione. La gente di Cagnano Varano non ha mai bisogno di lasciare l’acqua e il 70 per cento della popolazione vive sulla pesca, e gli altri in occupazioni collegate alla pesca , per costruire barche, fare le reti e lavorare il pescato.
La cucina di Vagnano Varano che viene ogni anno presentata alla sagra, è in perfetto equilibrio tra terra e mare: orecchiette con le cime di rapa, minestra di fave e cicorie, zuppe di pesce con canocchie, pasta in genere condita con sughi a base di verdure oppure con frutti di mare, ragù di maiale o di carne di cavallo.
Certo non mancheranno taralli e olive, friselle condite con olio, pomodori freschi e origano, tipici della Puglia; il “calzone”, una focaccia ripiena, pomodoro, baccalà fritto, agnello con patate e carciofi, cardi con brodo di manzo. Tante specialità pugliesi, da richiamare, oltre che centinaia di turisti, anche gente dai borghi limitrofi come Carpino, Ischitella, Monte Sant’Angelo, San Leonardo in Passiria, San Marco in Lamis.
Il rapporto stretto della gente di Cagnano Varano col mare, è rappresentato anche dall’idroscalo “Ivo Monti”, conosciuto anche con il nome di San Nicola Imbuti e San Nicola Varano: la struttura nacque nel 1915 per compiti di difesa aerea delle coste pugliesi: le squadriglie avevano a disposizione degli idrovolanti della Regia Marina Macchi. Dopo aver gustato tante prelibatezze alla sagra, varrà la pena visitarlo.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *