Caravaggio, l’Urlo e la Luce, mostra a Brindisi

Caravaggio, l’Urlo e la Luce, mostra a Brindisi, dal 12-1-2013 al 3-2-2013, Brindisi

Caravaggio non dipinse molto, la vita prese spesso il sopravvento sull’arte. E nonostante ciò, nel corso dei secoli gli sono state attribuite molte opere.
La mostra “Caravaggio L’urlo e la Luce”, racconta il percorso creativo del pittore lombardo Michelangelo Merisi detto Caravaggio, la cui opera ha recepito i modi di due tradizioni diverse: da un lato il realismo lombardo, dall’altro il rinascimento veneto.

La mostra comprende la riproduzione a grandi dimensioni e ad alta definizione digitale di 31 opere, proponendo allo spettatore di aderire all’eccezionale esperienza estetica che ne consegue, piuttosto che seguire una consueta ricostruzione storico critica.
La genialità senza tempo dell’opera di Caravaggio incontra l’energia dirompente della sua personalità vibrante, che ha saputo tradurre nel virtuosismo dell’atto pittorico, il tormento dell’esistenza con intensità ed originalità.

L’esposizione curata dal professor Roberto Filippetti, studioso d’arte e letteratura, rappresenta una carrellata di quadri straordinari, perché straordinaria è la tecnica, la visione e l’innovazione di Caravaggio nell’arte, che ne hanno fatto un pittore unico, perché nessuno prima e dopo di lui ha saputo “dare luce al buio”.
Organizzata dalla Fondazione Opera Beato Bartolo Longo in occasione del 9° Meeting della Cittadinanza Piena e Universale, la mostra è anche un progetto che mira all’evangelizzazione attraverso le arti figurative, quindi è una manifestazione didattico-educativa che vuole rivolgersi soprattutto agli studenti.

La prima stanza, dal titolo “Le pitture etichae” (o comiche),  vuol rappresentare una commedia con un insegnamento morale: nel “Ragazzo morso da un ramarro” si vedranno eros e thanatos unite, amore e morte; un ragazzo che si dà ai piaceri della vita, ma in agguato c’è la morte, mimetizzata in un ramarro che gli addenta il dito.
Nella seconda intitolata “L’urlo” si vedrà tanto sangue, come nella “Gola squarciata di San Giovanni Battista”. Bocche che si aprono a dismisura e occhi che sembrano esplodere fuori dalle orbite. Rappresentativi anche i contrasti tra i colori.
La terza stanza è intitolata “La Madre ed il bambino” e Caravaggio diventa il pittore dell’Annunciazione. Si potrà ammirare “Morte della Vergine” e un dolce Gesù bambino sempre vicino alla Madonna in molte tele.
Nella quarta stanza “Il Redentore”, si ammirerà tutta la passione del Cristo durante la Pasqua. E’ questa la parte della mostra dove urlo e luce più si manifestano: c’è l’urlo di Giovanni che fugge, e la luce su tutti i volti nella notte del tradimento, così come la luce della Grazia del Cristo.
Infine nell’ultima stanza intitolata “I Testimoni”, appare un Dio che permane in chi ha testimoniato il suo messaggio, appaiono Pietro e Paolo, luce pittorica, assoluta novità del suo genio, e luce di Grazia, capace di risollevare l’uomo dal baratro: una sala perfettamente in linea con gli intenti della mostra.
Al centro della mostra, ci sarà un vero spettacolo teatrale in tre atti: il trittico della cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi a Roma, protagonista san Matteo (Vocazione di san Matteo, San Matteo e l’angelo, Martirio di san Matteo).

Brindisi con questa mostra, si dimostra città degna di un Paese con un grande e proprio patrimonio artistico, che sa utilizzare strumenti , mezzi e competenze formative per conseguire l’obiettivo di formare, oltre le conoscenze di base, la coscienza critica dei futuri storici dell’arte; ma la mostra sarà per tutti, perchè ha anche l’obiettivo di creare, tramite lo studio e la comunicazione multimediale del patrimonio artistico del Caravaggio, un terreno ideale di dialogo religioso e interculturale, adatto per la sua singolare valenza di linguaggio universale a costruire sentieri di condivisione pacifica.

Per info:
Centro Studi “Terzo Millennio”
Fondazione Opera Beato Bartolo Longo
c.so Umberto I, 66
72021 Francavilla Fontana (BR)
Tel 0831843632 cell. 389803671
Orari: tutti i giorni 9-12, 17-20. Ingresso gratuito.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *