Celebrazioni in onore San Pompilio a Campi Salentina

Da più parti si avverte il bisogno di rileggere con attenzione alcuni fenomeni legati alle tradizioni popolari e alla fede, e di trovare delle prassi che mettano insieme rispetto delle tradizioni, genuina spiritualità popolare e fedeltà al Vangelo e all’uomo.
A Campi Salentina, le feste religiose mantengono tutta la loro attualità dottrinale e propositiva, in particolare nei giorni della Festa di San Pompilio.
Le spoglie del Santo, beatificato fin dal 1890 dal Papa Leone XIII, e santificato nel 1934, sono conservate proprio nella chiesa dello Spirito Santo, ora Santuario di San Pompilio, a Campi Salentina; celeberrimo e commovente il rito che si tenne nel 1966 per cui avvenne il trionfale trasporto dell’urna con i resti mortali di San Pompilio per molte città che ebbero la fortuna di giovarsi dell’azione apostolica del Santo.
E’ dal Santuario che una suggestiva processione ricca di fedeli partirà per percorrere le strade cittadine, il 14 e 15 Luglio 2012.


San Pompilio è un santo molto amato dalla comunità di Campi Salentina; nel biennio 2004-2005 si sono celebrati i festeggiamenti per il settantesimo anniversario della canonizzazione, con convegni e manifestazioni, tra cui lo straordinario evento della traslazione delle reliquie al paese irpino di cui il Santo è originario, pur avendo trascorso numerosi anni della propria vita in Puglia. Fin dal 1732 infatti venne trasferito a Turi (Bari), dove iniziò l’insegnamento, e l’anno successivo venne assegnato a Francavilla Fontana come maestro di retorica; poi a Brindisi nel Monastero di san Benedetto venne consacrato sacerdote.

Nella vigilia della Festa, a Campi Salentina si celebra la Messa solenne con la benedizione “del pane di san Pompilio”; questo evento estremamente sentito dalla popolazione, deriva dal fatto che, rientrato nel Regno di Napoli, Pompilio fu assegnato alla Casa Scolopica proprio di Campi Salentina (Lecce), in qualità di Superiore e di Maestro dei Novizi, e durante la carestia distribuiva “fettoline di pane” ai poverelli.
In occasione di quell’evento, il 2 luglio 2006, in un parco della città di Campi Salentina, gli venne dedicato un monumento: la figura del santo che dona il pane a due bambini poveri, segno della grande vocazione che San Pompilio perseguì nella sua vita.
Nei giorni 14 e 15 il santuario, la stanza del santo ed il museo pompiliano rimarranno aperti, per consentirne la visita ai fedeli, fino a tarda ora.

Durante la festa, non mancheranno stand allestiti per far gustare ai visitatori la cucina pugliese come le orecchiette alle cime di rapa e acciughe.
Il menù che verrà offerto sui tavoli appositamente allestiti, sarà semplice e sostanzioso, basato sulla combinazione di elementi genuini quali pasta, pesce e verdura, ma anche il capocollo, la soppressata e le salsicce.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *