Chiese aperte a Natale

La città di Gallipoli, ha preso una iniziativa, durante il periodo natalizio e fino alla fine di gennaio 2012, che ha dato un impulso nuovo alla presenza di Gesù in mezzo ai fedeli: lasciare le chiese aperte.
Gallipoli ha sostanzialmente conservato immutato l’ impianto urbanistico di un tempo,  ha caratteristiche di straordinario interesse, è un continuo sovrapporsi di strutture edilizie di varie epoche e di diverse matrici culturali. Ha vie strette e tortuose, un intrico di strade che si fa risalire alla prima metà del 900 d. C., periodo in cui la città fu conquistata dai Saraceni, che la dominarono per circa trenta anni.
In un tal contesto, le chiese si apriranno ai fedeli, perchè il cammino di educazione all’Eucaristia non deve terminare con la fine del Natale, è tempo di far fruttificare tutte le ricchezze germinate nel periodo dell’Avvento più che mai, nei cuori dei credenti.

E così nei giorni 8 – 11 – 12 – 25 dicembre 2010 e 6 gennaio 2011 le chiese: Cattedrale S. Agata, S. Francesco d’Assisi, SS. Maria del Canneto, SS. Crocifisso, S. Maria degli Angeli, S. Maria del Monte Carmelo, SS. Medici rimarranno aperte dalle ore 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 18,30.

Il Natale non dovrebbe essere solo memoria di eventi passati richiamati da sacre rappresentazioni come il presepio, ma piuttosto l’incontro con Gesù vivo.
Avvento e Natale sono il “tempo forte” della Chiesa che rende evidente l’esigenza di un cammino congiunto tra catechesi, liturgia e carità che impegni non soltanto la comunità parrocchiale e non soltanto durante l’Avvento, ma anche le famiglie e tutto l’anno. Ecco perchè il lasciare aperte le chiese più importanti della cittadina, oggi assume un significato estremamente rilevante.

La Cattedrale di Sant’Agata risalente prima metà del XVII sec. faraà calare i fedeli perfettamente in un’atmposfera di pace: mostra una facciata in carparo locale, che rappresenta un esempio unico a Gallipoli, di barocco leccese. Il suo interno, risulterà estremamente suggestivo, sviluppato su tre navate scandite da un colonnato in carparo con elegante e sobrio decoro ad intaglio della pietra. Internamente ci sono tele dipinte tra ‘600 e ‘700 da artisti locali e napoletani.

La Chiesa di San Francesco d’Assisi ha la facciata in tufo e un’interno a tre navate, abbellito ed arricchito di stucchi nel primo ventennio del ‘700. Pregevoli le opere d’arte, dal S.Francesco attribuito alla scuola veneziana del Pordenone, ai bei dipinti del Catalano, al gruppo del Presepe litico cinquecentesco, perfettamente adatto al periodo natalizio.

La Chiesa di Santa Maria del Canneto di stile barocco, fu sede di una Confraternita laicale, e luogo di particolare devozione per la Madonna sotto il titolo della Visitazione: un posto perfetto, da visitare a Natale. Al suo interno conserva pregevoli dipinti del XVII e XVIII secolo tra cui, una “Santa Lucia”.

La magnifica Chiesa del Crocefisso è sede della Confraternita del SS.mo Crocefisso istituita nel 1642 e presenta una affascinante immagine dipinta del volto del Crocefisso nonché un Cristo morto molto venerati. Sul fronte, dalle sobrie linee architettoniche, si evidenzia il grande pannello maiolicato, tardo ottocentesco, raffigurante la Madonna del Buon Consiglio.

Sarebbe bene coinvolgere in questa iniziativa di visita alle chiese durante l’Avvento, le famiglie e non solo i fanciulli e i ragazzi nella preparazione del Natale: non solo come fruitori di un messaggio, ma anche come trasmettitori e testimoni di esso insieme a tutta la comunità parrocchiale.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *