Cibo non solo sapori

Il 28, 29 e 30 Dicembre 2011, in una Otranto ancora addobbata per le festività, si terrà la rassegna enogastronomica “Cibo non solo sapori”, una delle più importanti della Puglia.
La storia della cucina cosiddetta povera o rustica, inizia e procede, si può dire, con la storia stessa dell’uomo, profondamente collegata con lo sviluppo dell’agricoltura. Infatti, quando il contadino salentino cominciò ad abbandonare le campagne, il rallentamento dell’agricoltura contribuì a generare crisi economiche che portarono allo scompiglio in tutti i settori dell’economia, compreso, naturalmente, quello dell’alimentazione.
Cibo e non solo sapori” insegnerà che cucina ricca e cucina povera hanno sempre avuto la loro importanza nell’economia di uno stato: negativa la prima, troppo raffinata, sfarzosa e abbondante; positiva la seconda, sobria e schietta. Non di rado, infatti, gli eccessi dei ricchi nella gastronomia hanno, sia pure in parte, contribuito a provocare crisi nell’economia.

L’evento a Otranto è promosso e organizzato dall’Agenzia di Spettacolo Idea Show di Martina Franca, con il patrocinio del Comune di Otranto e della Regione Puglia, Area politiche per lo Sviluppo rurale e dell’Unione Regionale delle Camere di commercio di Puglia. Poiché oggi l’argomento è più che mai attuale, il ritorno ad una cucina essenziale come la sapevano preparare le donne di casa dei tempi passati, potrebbe rappresentare il raggiungimento di un giusto equilibrio, affiancato alle conoscenze attuali nel campo dell’alimentazione.

Convegni, spettacoli teatrali, spettacoli di musica dal vivo e degustazioni sono previsti in questi tre giorni ad Otranto, dove il piacere della tavola rappresenta solo il punto di partenza di un percorso attraverso cui conoscere antiche usanze, tradizioni, identità, territori. La composizione di piatti unici, semplici, economici e saporiti che le antiche donne preparavano in Salento, all’inizio di questo secolo, per le loro famiglie, costituivano il pasto completo.

Così il 28 Dicembre ci saranno degustazioni gratuite delle migliori eccellenze enogastronomiche pugliesi e salentine al Castello Aragonese di Otranto, dalle ore 17.30 alle 20.30.
Un’occasione imperdibile per assistere a dimostrazioni di cucina e per carpire i segreti e le tecniche dei grandi cuochi.
Tutte le ricette, semplici ma gustose, saranno realizzate con prodotti locali, freschi e facilmente reperibili, e raccontate passo per passo.

Il 29 Dicembre sempre al Castello Aragonese dalle ore 17.30 si parlerà del fatto che un tempo in Salento non sempre la giornata cominciava con la prima colazione, la quale, se consumata, consisteva in una fetta di pane, spesso giallo, di farina di granturco, con olive o frutta secca.
Il latte, se era prodotto, veniva dato ai bambini ed il resto venduto o utilizzato per fare ricotta e formaggio.
Ci sarà anche uno spettacolo teatrale, “La storia di Taborre e Maddalena” con Enrico Messina e Mirko Lodedo: un attore e un musicista che, ritrovatisi intorno ad una tavola imbandita con cibi semplici, un piatto di grano cotto con il pomodoro, del pane, un bicchiere di “mieru”, pecorino e pere, hanno cominciato a raccontarsi. E le storie sono nate dai suoni piccoli della tavola: il suono delle posate nei piatti, il gorgoglio del vino che cade nel bicchiere, il tintinnio dei bicchieri che s’incontrano nel brindisi.

Il 30 Dicembre, i Ghetonìa saranno in concerto in Largo Porta Alfonsina dalle ore 21.15, per concludere un pomeriggio in cui famosi piatti antichi salentini sono stati ricucinati dalle anziane del luogo per permettere di conoscere, oltre agli ingredienti usati, anche la quantità degli stessi ed il modo di preparare e cuocere le pietanze, per poter il più possibile dedurre se il modo di nutrirsi di un tempo, in gran parte tramandato e ricorrente ancora oggi in larghi strati della popolazione salentina, fosse corretto; sicuramente era saporito e buono.

Per info: 0836/801683

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *