Corsi gratuiti di artigianato Alla Mano, a Lecce

dal 22-5-2014 al 25-5-2014 #artigianato #salento

Nella scultura in pietra leccese e in legno d’olivo, nella lavorazione della cartapesta, nell’intreccio dei giunchi, Lecce è una delle città che primeggiano in tutta Italia.

Corsi gratuiti di artigianato Alla Mano a LecceIl legno di olivo per esempio, è la materia da plasmare, che lega indissolubilmente l’opera d’arte al territorio in cui nasce. Ancor oggi la tradizione dell’intaglio del legno è un’arte sapientemente tramandata dagli antichi artigiani.
Su questo si basano gli incontri che si terranno nell’ex convento dei Teatini dal 22 al 25 Maggio 2014, per apprendere la scultura in pietra leccese, l’intaglio del legno di ulivo, la lavorazione della cartapesta e l’intreccio dei giunchi.
L’evento fa parte del “Maggio Salentino”, un grande contenitore di musica, poesia, arte, enogastronomia, natura e tour guidati, organizzati in Salento dal 2 maggio al 1 giugno 2014; l’idea è quella della ricerca, dello studio e dell’insegnamento di quelle attività prevalentemente artigianali, arti considerate ingiustamente minori, in via di estinzione, quasi dimenticate.

La storia dell’artigianato è riuscita ad entrare anche a Lecce per alleggerire le facciate non solo dei palazzi, ma anche dei castelli che da baluardi difensivi divennero dimore nobiliari, e negli edifici religiosi. Il volto di Lecce è ancora una volta l’esempio di come i centri più importanti si vestirono di un abito nuovo, che oggi diventa arte, mettendo a disposizione di tutti la sapienza dei maestri artigiani.
I corsi gratuiti sono tenuti da esperti maestri di quando il tempo era scandito più lentamente e le “mani” erano al centro di ogni azione e tutto quello che si costruiva rimaneva presente, tangibile e unico, sfidando l’usura del tempo. E quando questi oggetti arrivano fino al presente, la meraviglia e lo stupore ci pervade, perché in quelle cose c’è tutto il passato, la cultura, l’essenza, la storia.

I corsi gratuiti di “Artigianato alla mano” faranno comprendere che le opere di artigianato del Salento nascono soprattutto come passatempo nei lunghi e freddi mesi invernali, e grandi esempi sono i fischietti in terracotta, le statuette da presepe e i giocattoli. Ricca è anche la produzione di maschere di legno, sia come elemento decorativo sia da utilizzare durante cerimonie rituali, come le famose maschere del carnevale di Putignano.
Il legno ancora oggi in Salento è utilizzato per creare utensili domestici ed è anche materia prima per la produzione di mobili detti “rustici”, i cui laboratori sono diffusi in tutto il Salento.

Accanto alla lavorazione del legno, l’arte del ferro battuto è una passione che i maestri artigiani leccesi tramandano con grande amore.
La lavorazione del ferro ha prodotto le tipiche insegne che ancor oggi pendono dalle facciate di antiche locande nel centro storico di Lecce, e le recinzioni che delimitano i cori all’interno delle chiese.

Per info:
Ex convento dei Teatini
Lecce

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *