Corso di Sviluppo e Stampa in Camera oscura

In Salento parte un articolato programma riguardante l’arte della fotografia: fotografare bene un volto, un paesaggio, un tramonto, una persona, è uno dei problemi che si affronta in fotografia.
Spesso si consiglia la spontaneità dell’attimo e vengono alla luce tecniche per cogliere i tratti salienti del soggetto da fotografare.
Sviluppare e stampare da sé, le proprie foto, è portare a compimento in maniera del tutto autonoma il lavoro cominciato con l’impressione dell’immagine sulla pellicola.

Dal 2 marzo in Salento si tiene un  ciclo di incontri a cura di Lorenzo Papadia, Bruno Barillari, Emanuela Bartolotti e Andrea Riso, riguardante lo sviluppo e la stampa in camera oscura.
Il lavoro di camera oscura, oltre a presentare vantaggi economici, rende ancor più partecipe, e padre, il fotografo nella realizzazione ultima della foto, che in questa fase può essere ulteriormente studiata ed elaborata, fino a raggiungere perfettamente gli obiettivi preposti.
Presso il Castello Carlo V di Lecce, nell’ambito di una serie di programmi organizzati da FotoScuolaLecce, diretta da Alessandra de Donatis, si terrà questo interessantissimo corso a cura di Lorenzo Papadia, rivolto a tutti gli amanti della fotografia, i quali abbiano il desiderio di avvicinarsi al processo di sviluppo e stampa Bianco e Nero del negativo.

Dopo aver percorso il cammino fotografico che si è sviluppato nell’apprendimento dell’aspetto storico, tecnico, pratico ed aver lasciato sfogo alla fantasia, si arriverà alla concretizzazione del lavoro ossia allo sviluppo del rullino e alla stampa delle foto.
A livello amatoriale è consigliato quello in Bianco e Nero in camera oscura, un ambiente completamente “buio”, in quanto anche un minimo spiraglio di luce può rovinare i materiali sensibili quali la pellicola o la carta fotografica.
Verranno proprio spiegati nella pratica come inserire la coda della pellicola nella spirale e come, al buio assoluto avvolgere la pellicola alla spirale, metterla nella tank, e chiudere; verrà spiegato come preparare il bagno di sviluppo (sia quello in polvere, sia in soluzioni liquide concentrate), per poi mettere lo sviluppo nella tank e far partire il cronometro; infine c’è il bagno di arresto per annullare completamente l’azione dello sviluppo rimasto sulla pellicola.
Infine verrà insegnato come preparare il fissaggio, lavare la pellicola e infine metterla ad asciugare inun ambiente secco e pulito, levando l’acqua in eccesso con una spugna umida e pulita.

Attraverso l’utilizzo di materiali specifici, ogni corsista avrà la possibilità di procedere, assieme al docente di riferimento, al trattamento di un negativo

Le lezioni si terranno tutte in un laboratorio specializzato ed i materiali saranno compresi nella quota di iscrizione di ogni allievo.
La scadenza delle iscrizioni è il 27 Febbraio 2012.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *