Cristina D’avena & Gem Boy Show

Modugno (Bari) ospiterà Cristina D’Avena. Per la prima volta in Puglia, il 14/01/2012 dalle 21.30 la cantante sarà la gioia di molti bambini e non solo, in quanto ha all’attivo ben 600 sigle da “Bambino Pinocchio” del 1981, con cui si aggiudicò il disco d’oro con 50.000 copie vendute, a “La Canzone dei Puffi”, suo intramontabile cavallo di battaglia,per terminare con Sailormoon, Piccoli Problemi di Cuore, Sakura e arrivare fino alle più recenti Hamtaro, Doremì e le ultime serie dei Pokemon.

Musica e bambini: un rapporto particolare, ma che pare funzionare ancora. In questo “settore”, il supporto fisico dei cd in qualche modo resiste, con una delle fette di mercato più particolari e interessanti: quello degli album dedicati al pubblico infantile. E quale maggior rappresentante per il pubblico infantile, se non Cristina D’Avena.

A Modugno la D’Avena si esibirà coi Gem Boy: già nell’aprile del 2007, la cantante Bolognese aveva festeggiato con un concerto al Roxy Bar di Red Ronnie i suoi 25 anni di carriera con un grande evento dedicato ai suoi fan: con un concerto live di 2 ore durante il quale aveva ripercorso le sue tappe fondamentali, già con il supporto dei Gem Boy. In questa occasione ricevette da Red Ronnie il premio Gandhi 9.11, un totem luminoso creato dall’artista Marco Lodola destinato ai personaggi che nel modno si sono maggiormente distinti come ambasciatori di pace.

Questa cantante fin dalla tenera età di 3 anni ha dimostrato subito il suo amore per la musica partecipando alla decima edizione dello Zecchino d’Oro, con la canzone “Il valzer del moscerino” rimanendo poi all’Antoniano come componente del Piccolo Coro fino alla tenera età di 12 anni.Tutt’ora, nonostante siano passati anni dal suo esordio, Cristina continua a tenere innumerevoli concerti in tutta italia, dove tra di essi vi è il mitico nonchè prestigioso concerto tenuto nel novembre del 1989 e 1990 al PalaTrussardi di Milano, a cui assistirono un totale di circa 20.000 spettatori, ed in seguito nel 1992 da quello del Forum di Assago dove vi furno circa 16.000 persone paganti i cui incassi furono interamente devoluti alla “Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro”.
Vero è che il reale successo della D’Avena giunse nel 1981, quando  nasceva Canale 5, che cercava una nuova voce per le serie dei cartoni animati e le sue incisioni con grandissimo stupore di tutti furono subito un successo commerciale; da qui inizio la sua fortunata ascesa al successo, con la pubblicazione di numerosi album, tutt’ora ancora in vendita.
Cristina si fece notare dal pubblico anche come attrice interpretando nel lontano autunno del 1986 il ruolo di Licia, il personaggio femminile dell’ormai famoso cartone animato giapponese “Kiss me Licia”, e nel 1988 l’emittente Italia 1 mise in scena una nuova serie tutta incentrata sulla vita di Cristina.
Fu anche conduttrice e co-conduttrice televisiva e radiofonica nel 1989 col varietà tv “Sabato al circo”, all’ora in onda tutti i sabati su canale 5, grazie al quale riuscì anche ad aggiudicarsi un Telegatto per la categoria “programmi per ragazzi”.

La musica della D’Avena serve ai bambini innanzitutto per fare gruppo, specie nella dimensione dell’ascolto collettivo: quando si canta una sua canzone il bimbo capisce l’importanza della collaborazione di tutti, che è una cosa molto bella e utile per l’apprendimento di nuove parole e nuovi suoni.
Forse non c’è una musica inadatta ai bambini, ma musica e testi della D’Avena appaiono paticolarmente indicati. I testi delle canzoni della D’Avena, una volta interiorizzate le parole che le compongono, diventano quotidiane per il piccolo ascoltatore.

Modugno dunque sarà la corniuce che farà da sfondo a questa intramontabile cantante.
Attualmente il suo nome è professionalmente associato a quello di Alessandra Valeri Manera: responsabile della Tv dei ragazzi delle reti Fininvest e Mediaset sin dai primi anni ottanta, Valeri Manera è stata anche ideatrice, produttrice, direttrice artistica e autrice di tutti i testi della D’Avena.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *