Deliceto

Deliceto possiede una storia antichissima probabilmente risalente ai primi insediamenti di popolazioni provenienti da molto lontano, che ancor prima di costruire degli edifici si insediavano in grotte e ripari naturali, di cui ancora oggi a Deliceto resta traccia nel rione Pesco, dove la roccia è stata scavata alcuni millenni or sono per costruirne dei ripari.

{IMU_468_60}

Isolato comè dalla principali vie di comunicazione di un tempo il paese si è sviluppato più come centro strategico e militare che come centro urbano.

Il monumento più importante ed il simbolo di Deliceto è sicuramente il Castello Normanno Svevo che svetta su una delle punte rocciose su cui sorge il paese. E’ probabilmente un castello molto più antico del periodo normanno, dato che alcune fonti lo fanno risalire al periodo longobardo.

fotografia-puglia-035

Una visita al castello è da fare assolutamente perchè ricco di scorci interessanti, dal maestoso cortile interno, alle torri, il “Parasinno” e la Torre Normanna che svetta con i suoi trenta metri sul castello e su tutto l’abitato.

Tra i monumenti sacri la Chiesa dell’Annunziata, la più antica del paese e più volte ritoccata, con le navate divise da archi gotici, con un crocifisso ligneo del seicento, un’acquasantiera antichissima, alcune tele ed un prezioso e quanto mai raro “quadrato magico” di epoca paleocristiana scolpito su pietra.

Il Convento e Chiesa di Sant’Antonio costruito nei primi anni del ‘500 che possiede tele interessanti , un bel chiostro ed ancora le vecchie celle dove dormivano i frati.

La piccola e sobria Cappella della Madonna di Loreto, al cui esterno, sotto il livello stradale si trova un ossario che raccoglie i resti degli appestati di un epidemia del sedicesimo secolo, e davanti alla quale la popolazione celebra, l’8 settembre la Natività della Madonna, un momento molto sentito e partecipato dalla cittadinanza.

{IMU_468_60}

I commenti sono chiusi.