Festa della Madonna dell’Altomare, processione a mare ad Otranto

7-9-2014 #madonnadellaltomareotranto #festeotranto #madonnesalento

Il culto mariano profondamente diffuso in Salento ormai da secoli, è legato indissolubilmente ai culti pagani ed alla cultura popolare. La storia di questa devozione, di una complessità e di un fascino unico, si snoda attraverso miti e riti e con una continuità tra paganesimo e cristianesimo.

Altomare, processione a mare ad OtrantoPer esempio ogni anno ad Otranto, nella prima domenica di settembre si svolge la processione a mare della Vergine Protettrice dei marinai, dei pescatori e di chi vive il mare.
La Madonna dell’Alto Mare prende il nome, come tante Madonne in Salento, dal toponimo a cui è connessa; tutti gli elementi culturali pre-cristiani, sono stati accolti e trasferiti nella nuova religione esaltando e modellando proprio tutte le componenti mitologiche e rituali della cultura contadina.
Coloro che traggono dal mare il sostentamento attraverso i commerci e la pesca e chi sul mare si spende per la sicurezza e la pace, vengono festeggiati durante questa singolare festa, un evento importante, che racconta del rapporto dell’uomo con il mare attraverso la tradizione, la storia, i mestieri.

La manifestazione ha sempre registrato una notevole presenza di pubblico e la mattina tutte le celebrazioni si svolgono nella splendida chiesa della Madonna dell’Altomare, ove una bella statua della Vergine, risalente alla fine del XIX secolo, viene adornata di fiori; nel pomeriggio la solenne celebrazione dell’Eucarestia, officiata dall’Arcivescovo, è tenuta nel piazzale sottostante la cappella.
Alla fine della Messa i pescatori otrantini accompagnano la statua della Vergine, al “Fascio” dove viene imbarcata su un peschereccio. Da qui ha inizio la processione a mare, la barca con sopra la statua è seguita da tutte le barche in un commovente corteo: la manifestazione vede il coinvolgimento dell’amministrazione comunale, delle forze dell’ordine, della Capitaneria, delle Associazioni locali e di tanti subacquei provenienti anche da fuori regione.
Viene buttata in acqua una corona di fiori in memoria di tutte le vittime del mare e si arriva al Porto, dove si sbarca e si ritorna in processione a piedi alla cappella rinnovando il tributo di fede alla Madonnina.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *