Festival Dello Scorpione a Carosino

Un festival per ricordare tutta quella musica trasmessa oralmente, diffusa attraverso l’esecuzione e non con gli spartiti, appresa a orecchio: questo vuole celebrare la città di Carosino, con la prima edizione del Festival di musica popolare della Provincia di Taranto.
Spesso i nomi degli autori della musica popolare sono ignoti, o comunque dimenticati, ma la musica popolare esiste in tutti i paesini del Salento,  in diverse forme e in una grande varietà di condizioni socioculturali.

Sul palco di Carosino, allestito in Piazza Vittorio Emanuele, il Festival dello Scorpione prenderà il via sabato 18 agosto 2012, e si alterneranno circa 15 ospiti tra gruppi e solisti affermati in Puglia e tutta Italia. Eseguita da gente spesso priva di una formazione musicale specialistica, la musica popolare presentata al Festival dello Scorpione sarà caratterizzata dall’essere legata ai cicli delle stagioni, a eventi-chiave nella vita personale e ad attività come la pratica religiosa, il lavoro, la cura dei figli.
La musica popolare che verrà presentata a Carosino, si può definire la musica degli strati meno colti, principalmente rurali, e i musicisti verranno accompagnati dall´Orchestra Popolare Jonica diretta dal Maestro Mimmo Gori. Ci saranno anche ospiti illustri quali Fido Guido, Gianni Cellammare, gli Sciamano, Li Pizzicariddi, il gruppo dei Pizzicati int’allu core, il gruppo dei Terra Ionica Salentina, i Katundy Ne Zembra, per rendere la serata ancor più accattivante.

L’Orchestra Popolare Jonica coi suoi solisti si esibirà in un repertorio di musica popolare proprio della cultura dell´intera provincia di Taranto: una canzone popolare genera sempre delle varianti, trasformandosi un po’ alla volta e ripresentandosi in molte forme, a volte irriconoscibili. La musica popolare di Taranto ha subito l’influsso dei centri culturali vicini e spesso si è comportata come una sorta di deposito che ha conservato per lunghi periodi caratteristiche di musica d’arte più antica, e che a Carosino verrà riproposta.

Pizziche, tarantelle, canti di lavoro, di protesta e serenate allieteranno il pubblico di Carosino  per circa sei ore: musica relativamente semplice, costituita di solito da canti con una breve strofa ripetuta più volte magari con parole diverse. L’uso dell’antifona, ossia l’alternarsi tra il solista e il coro nella presentazione di un verso ciascuno, è diffusissimo nel tarantino, e anche se i compositori non erano istruiti, il modo di combinare il materiale musicale risulta spesso molto sofisticato.

Interessante sarà a Carosino lo spazio dedicato alla musica arbereshe, cioè in albanese antico, che coi suoi suoni e il suo idioma ha tuttora radici in diversi comuni della provincia Jonica. Questa musica rappresenta il frutto di un lungo lavoro svolto in Puglia documentando, attraverso interpreti con una piena padronanza dei materiali musicali e una cifra stilistica di particolare pregio, repertori connessi al ciclo della vita e alla ritualità dell’anno in cui si ritrovano motivi epici originari dell’Albania: fra gli altri, un nucleo di canti di nozze accompagnati da una danza circolare o a serpentina (vallja), assente nel resto dell’Italia continentale, e un pregevole corpus di canti lirici basati su meccanismi di improvvisazione e abbinati a una poetica del tutto originale (vjershet). Una documentazione, in larghissima parte inedita e imprescindibile per la conoscenza del patrimonio musicale arbëresh della Puglia, che verrà presentato al festival dello Scorpione.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

2 pensieri su “Festival Dello Scorpione a Carosino

  1. CONGRATULAZIONI sono anchi’io uno dei vostri
    nel vero senso della parola e’ cioe’ Carsunese di
    nascita pero’ purtroppo non di adozione.
    Siete stati splendidi continuate cosi’ perché
    date lustro al nostro piccolo ma grande paese.
    Sono fiero di voi e vi auguro di continuare su
    questa strada. Arrivederci da un ESULE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *