Festival La Voce degli Angeli, Gioias re di Giuda

Il 27 luglio 2012, alle 21, nel centro storico di Presicce si terrà un suggestivo concerto tratto da «Gioias re di Giuda». Voci bianche, sopranisti, contraltisti, falsettisti, verranno diretti da Lucia Rizzello, docente al conservatorio di Lecce.
Il concerto appartiene al progetto del Festival “La Voce degli Angeli”, giunto nel 2012 alla sua III edizione, e sarà incentrato su questo suggestivo pezzo di Luigi Boccherini, musicista toscano vissuto nella seconda metà del XVIII secolo,  figlio di un contrabbassista.
La sua produzione musicale, è  influenzata dagli studi con l’abate Vannucci e dall’essere stato compositore di camera del principe delle Asturie e per Federico II di Prussia.
Morto Federico II (1797), Boccherini malato di bronchite e di nervi, finì nella più nera miseria.

Il concerto di Presicce, si pone, ancora una volta, l’obiettivo di soddisfare gli interessi e le curiosità di un pubblico sempre più ampio ed eterogeneo: il centro storico e la chiesa di Presicce, faranno da cornice all’opera del Boccherini, il quale in vita compose una grandissima quantità di musica: messe, cantate di Natale, sonate, sinfonie, quintetti, quartetti, trii, molti lavori strumentali, e i due giovanili oratorii “Giuseppe riconosciuto” e “Gioas re di Giuda”.

Il raffinato programma del festival, dedica attenzione e spazio alle espressioni più varie dell’arte barocca: a Presicce, la scelta degli interpreti e la ricercatezza dei repertori, uniti ai talenti delle generazioni più giovani, permetteranno di apprezzare al meglio la musica del Boccherini, l’ultima grande espressione della musica per archi di scuola italiana e, al tempo stesso, una delle prime della musica classica da camera.

Il Festival ha già visto varie tappe in Salento, lasciando spazio alla musica sacra del medioevo, a concerti dedicati al settecento e agli «Evirati cantori nel Salento», ad eventi religiosi dal titolo «La musica intorno a San Giovanni», a spettacoli di danze storiche e conferenze come quella dedicata a Mozart dal titolo «Fraulein Nannerl Mozart: una vita nascosta», in cui sarà affascinante e indicativo notare come nell’esistenza strana, e a suo modo “felice”, di questo compositore, sia presente sempre una costante attenzione verso gli esiti morali delle scelte di vita e verso il conflitto interiore tra il bene e il male.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *