Fiera delle ” cumitati di san giuseppe” e sagra

Nardò è un grazioso paese del Salento che somiglia più ad un quadro  che ad una cittadina. E tra il blu del cielo  cobalto, e il blu del mare, spiccano il verde acceso dei vigneti e dei preziosi oliveti che fanno di Nardò il regno dell’olio extravergine e del vino.
Vivere e visitare Nardò significa anche scoprire le antiche tradizioni che hanno contribuito a rendere i suoi prodotti noti e famosi in tutto il mondo. In piazza San Giuseppe dal 17 al 19 Marzo 2012, in un tal contesto si terrà la folkloristica fiera de “Li cumitati di san giuseppe” in cui preziose terracotte artigianali salentine.
Anche se l’arte della ceramica è il prodotto di maggior pregio in Salento, a Nardò non mancano artigiani e fabbriche dedicate alla creazione di prodotti in terracotta.
La lavorazione della terracotta è quindi una trazione antica tramandata fino ad oggi e celebrata durante la fiera delle “Cumitati di San Giuseppe”.
Un tempo lavorata a mano, oggi la terracotta, viene più lavorata con metodi e macchinari moderni. Negli stand appositamente allestiti in occasione della fiera, sarà possibile acquistare orci e coppi da olio salentini, statue e vasi di tutte le dimensioni e oggetti per l’arredamento della casa e del giardino, grazie anche all’ottima resistenza al gelo di questo prodotto. Per la stessa ragione la terracotta  di Nardò  è molto utilizzata per la piastrellatura e per all’arredamento da esterni.
E’ molto facile, percorrendo le strade intorno a Nardò vedere ampie esposizione di orci e vasi di ogni misura e dimensione che sono ideali per decorare terrazze e splendidi oggetti da regalo.
I colori, che si trovano nelle preziose terrecotte artigianali esposte sulle bancarelle, e che occhieggiano anche dalle vetrine dei negozi, sono una delle cose che per prime catturano l’attenzione di quanti giungono in questa deliziosa cittadina. Che, nonostante siano passati secoli e secoli, conferma nelle sue atmosfere il senso del suo nome antico, che invita a spegnere il telefonino, togliere l’orologio e restare lì, sulle panchine del belvedere, a godere delle bellezze del Salento.
Le terracotte a Nardò spiccano anche dalle credenze di ogni cucina, nei balconi come vasi per il basilico o la menta, accanto agli usci, per le strade, ad indicare il numero civico o semplicemente per abbellire il muro bianco. Nardò è il luogo dove il “saper fare” dei maestri artigiani non ha mai smesso di esistere. E’ un mondo che può apparire lontano ma che è in realtà è ancora attuale.

 

La vita delle persone di Nardò si intreccia in un tranquillo quotidiano che segue i rintocchi della bella Chiesa, costruita tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento, il cui interno riflette questo prezioso equilibrio possedendo sia l’eleganza delle forme architettoniche del barocco leccese, che una straordinaria ricchezza di elementi. Anche qui, i colori la fanno da padroni,  e la religione si intreccia con il profano, festeggiando San Giuseppe con la tradizionale “sagra delle zeppole”, i tipici dolci fritti a forma di ciambella, farciti con crema, zucchero e cannella.
La Festa in onore di San Giuseppe apre la bella stagione di Nardò, quella primavera salentina che non ha confine con l’estate, che arriverà nella cittadina con mille appuntamenti e spettacoli, offrendo arte e   musica tradizionale.
In occasione della Sagra infatti non mancheranno gruppi di pizzica salentina.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info {IMU_468_60}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *