Gastronomia a Putignano, Abbassc o Forn

Pittori, scultori, artigiani, artisti di strada, autori, cantanti, musicisti, attori, ritornano nel centro storico di Putignano il prossimo 6 Giugno  2012, in una singola re manifestazione denominata “Abbassc o forn”: “Abbassc o forn” è al numero 16 di Via Forno San Nicola a Putignano, si tratta di un incantevole e suggestivo luogo dov’è ubicato l’ultimo forno a legna attivo di proprietà comunale.
Il forno  è oggi gestito dalla famiglia Florio e durante il tragitto che conduce verso di esso il profumo del pane è forte e irresistibile. Ricorda l’antico profumo di quella decina di fette di pane che facevano capolino dal loro sacchetto di carta: era un profumo forte e persistente, col caratteristico odore della farina che era predominante, riportando indietro i ricordi di ognuno, avvolti dagli stessi profumi.
Oggi in questo forno vengono serviti tutti i prodotti da forno di un panificio tradizionale, panini di farina bianca compresi, senza mai usare lieviti chimici, “miglioratori” o altri additivi, ma solo lievito madre con a volte un pizzico di lievito di birra. Il primo segreto che rende nobile e famoso l’angolino di Putignano denominato “Abbassc o Forn” è quello di una reale lavorazione artigianale, fatta con un’impastatrice all’antica, tanta perizia con le mani e di questo forno a legna antichissimo.
Il suo secondo segreto, invece, è rappresentato dalle materie prime utilizzate per i prodotti, raro esempio di convivenza tra altissima tecnologia e antica tradizione.

La manifestazione “Abbassc o Forn” ha sostanzialmente il ruolo di valorizzare il centro storico di Putignano, attraverso l’individuazione di zone cosiddette secondarie evidenziandone la storia, l’arte e le tradizioni popolari. Putignano è una suggestiva cittadina che vive nel ventre di una regione fascinosa come la Puglia, rifiutando il nuovo potere, ossia quella che chiamiamo la modernità.
Tradizioni popolari e storia, arte e urbanistica: la manifestazione di Putignano sarà un viaggio attraverso i palcoscenici naturali di una cittadina bellissima,  in cui i rapporti tra gli uomini sono regolati da una concezione fatalistica, nella quale l’autorità svolge lo stesso ruolo che ha il destino nel mondo naturale.

Con la complicità dell’atmosfera quasi estiva, fin dal mattino sarà possibile ammirare creazioni artistiche d’ogni genere collocate con omogeneità tra i vicoli del suggestivo circuito. Putignano è una terra sulla quale i millenni hanno lasciato molteplici impronte del passaggio dell’uomo. Dalle grotte preistoriche, torri costiere, anfiteatri Greci, terme Romane, basiliche cristiane, castelli federiciani, monasteri binzantini, tesori d’arte antica e moderna. La presenza di popoli diversi e le varie dominazioni, danno oggi alla cultura di Putignano  una particolare impronta non solo folcloristica e di costume, ma anche linguistica ed artistica.
Artisti e artigiani esporranno le loro opere, e soprattutto  verrà evidenziato l’artigianato di tradizione putignanese: l’intaglio, la scultura, la tornitura, gli oggetti agricoli, i fiori in legno, le costruzioni in miniatura, la lavorazione del cuoio, del ferro battuto e della pietra, i giocattoli, i mobili, i costumi, le calzature tradizionali. Saranno inoltre presenti manufatti in ceramica, rame, vetro, oro e argento.

Mentre ci si muove tra i vari vicoli, si potrà ammirare il Palazzo Campanella, caratteristico per il suo portale a cui si collegano tre splendide mensole e tre mascheroni; maestoso in via Scaglioni apparirà il bellissimo palazzo Karusio risalente al ‘700.  i diversi volti di questa terra, del passato importante e dal presente spirituale appariranno tutti nel centro storico, dove ammirare le bellezze architettoniche di grande fascino.

La manifestazione prevede l’allestimento di un percorso gastronomico, nel centro storico, all’interno del quale sarà possibile gustare pietanze tipiche locali e buon vino, presso via Rosata Romanazzi, via Strettola, via Scaglioni e C.so Vittorio Emanuele. La manifestazione dunque sarà anche un prezioso veicolo non solo per i prodotti  tipici da forno con le farine tipiche monovarietali, ma anche per tante altre varietà dai profumi e sapori inebrianti tipiche della zona di Putignano:  viene data preferenza alle verdure e al pesce, ma anche ai legumi, alla pasta fatta in casa condita con vari sughi, da sola o combinata alle verdure o al pesce. Come piatti tipici si potranno trovare sui vari stand allestiti per l’occasione gli “strascinate integrali ricotta forte e radicchio, i “fricelli ai funghi cardoncelli”, le “Orecchiette con le cime di rapa”, la “cicoria con la purea di fave”, i “cavatellucci al grano arso al pomodorino infornato”.
Durante la festa dunque, si ritroveranno prodotti ottimi e di eccellenza, segno che le strade della qualità convergono sempre. In primis i vini della Puglia, poi gli insaccati di allevatori e produttori del luogo, realizzati con carni di bovino, cavallo, cinghiale e maiale.

Per info: cell. 366.5072676

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *