Giobbe Covatta, cabaret a Teatro in Salento

Giobbe Covatta, cabaret a Teatro in Salento, 9-2-2013, Cavallino

Il comico napoletano Giobbe Covatta ha da sempre affrontato con intelligenza e ironia, i grandi temi sociali, come il difficile rapporto tra mondo occidentale e continente africano, ma ha anche esaminato i vizi e virtù del nostro mondo, e ha concentrato la sua attenzione sui diritti fondamentali dell’uomo.
Discutere di tematiche così serie come lo fa Covatta non è però a scapito del divertimento; e l’irresistibile serie di battute che coinvolge sempre il pubblico per tutto lo spettacolo, ricorda che la missione dei comici migliori è quella di divertire senza impedire di pensare. Nello spettacolo “6°(sei gradi)”, in cui sia il testo che la regia sono di Giobbe Covatta, il “6” rappresenta l’aumento in gradi centigradi della temperatura della Terra.
Ad attenderlo al Teatro Ducale di Cavallino, sarà la platea delle grandi occasioni per uno degli eventi più importanti che segnano il palcoscenico dell’inverno in Salento: “6°(sei gradi)” è il titolo dello show che porterà in scena: una sorta di raccolta degli eventi del futuro che attende la Terra, che rimarca i suoi ultimi spettacoli e le nuove intuizioni della comicità sociale. Il tutto arricchito da un esilarante tuffo nel futuro, con i suoi celebri monologhi.

La temperatura media della Terra, in questo futuro immaginario, sarà aumentata di uno, due, tre, quattro, cinque e sei gradi. I personaggi che vivranno i queste epoche saranno quei discendenti, che avranno ereditato il mondo nello stato in cui glielo avremo lasciato.
Intensa l’attività professionale di Covatta che tocca quasi tutti gli ambiti dell’espressività artistica: debuttò nel 1991 al Teatro Ciak di Milano con lo spettacolo “Parabole Iperboli” e poi portò in scena lo spettacolo “Aria Condizionata” in cui affrontò il tema della salvaguardia delle balene. Fu la volta dello show “Primate assoluto” nella stagione 1996/1997, e “Dio li fa e poi li accoppa”, e tante altre rappresentazioni.
Non va, poi, dimenticata la sua produzione editoriale, visto che Covatta è uno degli uomini d’oro delle classifiche di vendita, uno dei primi comici a vendere milioni di copie con un suo libro.

Molteplici le manifestazioni finora realizzate dal Teatro Ducale di Cavallino, con un grande riscontro di visitatori, manifestazioni che spaziano fra arte, cultura, musica, cabaret di qualità, mostre di pittura, esposizioni fotografiche. Ed ancora gastronomia e cinema. Ma per lo spettacolo di Covatta ci si attende davvero una grande partecipazione di pubblico, mentre il comico racconterà come sarà il mondo quando la temperatura media sarà più alta, usando anche modelli matematici applicati all’ecologia creati con solide basi scientifiche.
Covatta inviterà dunque il pubblico del Salento a risolvere i problemi dell’ambiente, della sovrappopolazione e dell’energia sin da oggi.
Come illustrerà Covatta, a differenza di quanto si possa pensare, non tutti sanno cos’è l’ambiente; la risposta più semplice ed immediata potrebbe essere “La natura” ma in realtà dietro tutto ciò si cela una realtà ben più complessa e della quale l’uomo deve rispettare le regole, come farà comprendere a tutti durante lo spettacolo. L’ambiente è qualcosa che funziona insieme, nel quale un singolo intervento locale ha conseguenze sull’intero sistema, poiché i vari elementi sono collegati tra loro da una stretta rete di relazioni; se si rompe questo equilibrio e se la temperatura aumenta, il sistema verrà distrutto. La morale dello spettacolo sarà che anche l’uomo svolge un ruolo in questa interazione; Covatta si diverte ad immaginare  le stravaganti invenzioni scientifiche, ma anche sociali e politiche che si affronteranno nel futuro: la qualità della vita è infatti influenzata per buona parte dall’ambiente in cui l’uomo vive e alle caratteristiche che questo ha, adatte alla sopravvivenza della specie umana.

Per info:
Teatro Il Ducale
Via Padre Gino De Giorgi (Casina Vernazza)
Cavallino (Le)
Tel. 331 6393549 – 0832 611208

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *