Grecia Salentina, festa e sagra di S.Antonio

Cutrofiano, una delle cittadine dei Comuni della Grecìa Salentina, famosa per la bellissima e suggestiva Chiesa Matrice dedicata alla Madonna della Neve, a febbraio vede una delle feste più belle dell’intero Salento, quella dedicata a Sant’Antonio.
Nell’entroterra della zona di Cutrofiano, numerosi sono gli agriturismi ricavati da un antico casolare, e tutti recentemente restaurati: da qualche anno aprono le porte ai turisti fin dal mese di febbraio,  regalando panorami indimenticabili, da dove si può ammirare l’incantevole spettacolo del Salento intero. La rinomata Masseria Monaci, dove è possibile visitare alcune grotte formate dall’estrazione della pietra, è sempre meta di tutisti. Pertanto l’occasione della Sagra rappresenta anche un modo per ammirare in una stagione insolita questa meravigliosa zona del Salento.
In molti paesi, come a Cutrofiano, a febbraio si festeggia in memoria del ritrovamento miracoloso, da parte di San Bonaventura da Bagnoregio, della lingua incorrotta del Santo.È rimasta celebre, nella vita di Sant’Antonio, la sua predica ai pesci, sul litorale di Rimini, città dominata, in quel tempo, dagli eretici. Non meno celebre è il miracolo della mula tenuta digiuna per tre giorni e, che, messa alla prova dopo una sfida lanciata dal suo padrone ateo, invece di prendere il fieno, s’inginocchia davanti all’Ostensorio.

Per questi e altri miracoli avvenuti durante la vita del Santo, Cutrofiano festeggia Sant’Antonio, morto il 13 Giugno 1231 nel convento francescano dell’Arcella, dove venne inumato provvisoriamente; cinque giorni dopo la morte, il corpo del Santo contenuto in una semplice e povera cassa lignea, venne trasferito alla chiesetta di Santa Maria Mater Domini, sulla quale sorse la Basilica.

Cutrofiano in febbraio dedica al Santo una bellissima festa, che oltre che religosa diventa anche occasione di mostra dell’artigianato tipico e di degustazione dei prodotti locali. Oltre ai numerosi negozi, ristoranti, locali notturni, creperie, discoteche, Cutrofiano offre una sagra nei pressi di Palazzo Filomarini, nato dalla ristrutturazione dell’antico castello preesistente, dove si potrà gustare la cucina della Grecìa salentina, caratterizzata da un’ampia varietà di ricette, pur contando su un numero di componenti relativamente limitato.
Essa utilizza ingredienti che un tempo erano prodotti nell’ambito della famiglia detta ghetonìa, che comprendeva anche il vicinato: era una cucina basata sulla produzione propria, la quale suppliva alla modesta varietà degli ingredienti con una molteplicità di combinazioni e con una cospicua elaborazione delle ricette. E questo verrà magicamente proposto alla sagra, rinomata in tutto il Salento.
Il turista più esigente potrà conoscere i sapori più antichi della gastronomia grika in questa sagra in onore di Sant’Antonio, dove potrà gustare i piatti tipici nell’atmosfera giusta, tra la cordialità dei salentini e i dialetti del griko.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *