I miracoli della Madonna del Pozzo a Capurso

Nei Vangeli, Maria  appare inserita nel misterioso  piano di Dio con il concepimento verginale di  Gesù, con il suo dialogo di fede con Dio, con la sequela del Figlio fino alla croce, e con la sua condivisione con la Comunità degli apostoli. A Capurso, tra verità e leggende, la Madonna viene ricordata in una grande festa nota come “La Festa della Madonna del Pozzo”, in cui in numerosi accorrono al Santuario della cittadina pugliese, per venerare e ringraziare la Madonna.

L’origine del Santuario risale all’agosto del 1705. Un prete di Capurso, Don Domenico Tanzella, era in gravissime condizioni di salute; la Madonna apparve al sacerdote dicendogli che sarebbe subito guarito se avesse bevuto dell’acqua dell’antico pozzo detto “di Santa Maria”.
Il “Pozzo di Santa Maria”, di forma circolare, profondo appena una decina di metri e con poca acqua, era nelle vicinanze del paese, nella contrada chiamata Piscino. Difficile è precisare le sue origini, si pensa che risalga all’epoca degli eremiti Basiliani.
La Madonna chiese anche di erigere una chiesa con annesso Convento per i Frati Francescani. Il prete bevve l’acqua e guarì. Costruì quindi il santuario di Capurso, in questa ridente cittadina dalle origini medievali, pochi chilometri a sud di Bari.
Ma i miracoli non finirono; quando Don Tanzella si recò con il fratello e con altri due amici a visitare il “Pozzo di Santa Maria”, sull’intonaco, dalla parte verso mezzogiorno, scoprirono una bellissima immagine della Madonna, in stile bizantino: staccatala dalle pareti del pozzo, l’immagine galleggiò sull’acqua.

L’immagine rappresenta la Vergine è ritratta a mezzo busto con un manto rosso,e sul braccio sinistro siede Gesù Bambino, vestito di bianco, con sulla spalla un manto azzurro chiaro, e nella mano sinistra lo scettro, mentre la destra benedice, con le prime tre dita aperte. Venne portata
in una cappella, che il 9 febbraio del 1706  venne aperta al culto del pubblico sotto il titolo di “Santa Maria detta del Pozzo”, dal luogo del rinvenimento, e “di San Lorenzo martire”.
Altri miracoli si susseguirono, come il ridare l’uso delle gambe a una certa Caterina Maffiola.

I miracoli della Madonna del Pozzo a Capurso, hanno dato grande importanza alle
devozioni mariane in questa ridente cittadina in provincia di Bari. Oggi, durante i giorni della festa si accompagnano le infiorate alle edicole votive, e l’allestimento di altarini domestici dove viene posta una statua  della Vergine.
Per la Madonna del Pozzo, apparsa alla umanità contemporanea ed in attesa nelle mete del pellegrinaggio, ci si muove sempre e a Capurso si è sempre impegnati, nella semplicità della preghiera personale e nel fasto della preghiera comunitaria. Il pensiero dei credenti di Capurso si inoltra nelle favolose considerazioni del suo mistero, e corre alle riflessioni che riguardano gli avvenimenti testimoniati e creduti e la fede stessa.

L’attuale Santuario venne ultimato nel 1778, dove è posto il prodigioso affresco della Madonna sull’Altare maggiore in una nicchia che in seguito venne arricchita di marmi preziosi. Il 20 maggio 1852 l’immagine della Madonna del Pozzo venne solennemente incoronata per volontà del Papa Pio IX. E’ qui che centinaia di fedeli provenienti da tutta la Puglia e non solo, si raccolgono in preghiera nei giorni della festa dedicati alla Madonna del Pozzo.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *