I tagli di Elia e gli scarti di Riva 1920, Mostra in Salento

I tagli di Elia e gli scarti di Riva 1920, Mostra in Salento, dal 14-12-2012 al 5-1-2013, Lecce
Il Parlangeli Gallery di Lecce, rappresenta uno spazio che si occupa di arte, architettura e design attraverso la ricerca e l’esposizione di disegni, opere, oggetti, idee, allestimenti, e progetti, nel cuore del Salento.
Fino a Gennaio 2013, ospiterà la mostra intitolata “I tagli di Elia e gli scarti di Riva 1920”, progetto nato da una riflessione rispetto alla materia di recupero, utilizzata nella costruzione dei mobili e degli oggetti, riflessione attenta soprattutto al metallo come materiale di rivestimento e all’ossidazione che il tempo, l’acqua, l’uso, gli agenti atmosferici realizzano trasformando semplici lastre in visioni, in segni, disegni, a tratti pittorici, certamente carichi di storia e memoria.
Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di oggetti, scrollandosi di dosso l’atteggiamento passivo con cui solitamente si naviga nella marea di oggetti che ci circondano, per recuperare e sviluppare fantasia, curiosità, creatività e spirito di osservazione.

Si inaugura venerdì 14 dicembre, alle ore 19.30, questo evento Natura, Arte & Design con le performance artistiche di Riva 1920 e Nicola Elia, un posto davvero speciale dove osservare con curiosità le cose costruite raccogliendo legni spiaggiati, pezzi di barche, ciottoli di fiume e metalli ossidati che si sono ricomposti in nuovi oggetti.

Per Cold Scapes, il ferro delle lamiere arrugginite dall’azione naturale dell’aria e dell’acqua diventa la materia prima per le creazioni di Nicola Elia. Il Parlangeli Gallery diventa così un laboratorio di idee e di materie prime, un laboratorio dove le idee di costruzione che hanno trasformato materie prime, diventano arte da ammirare. Elia lavora con materiali di recupero, li raccoglie pensando a cosa possono diventare e ricicla ferro e costruisce tavoli, panche, divani, letti, cucine, oggetti e lampade. Il costruire affascina Elia perché per esempio le assi da ponte, una volta svolta la loro primaria funzione, possono diventare e accogliere altro, così come le grondaie. Ha iniziato vari anni fa, assemblando piccoli oggetti, raccogliendo ferri usati e creando pezzi unici, ovviamente, come unica è la materia prima di partenza da poter scegliere.
Nelle opere più recenti la forma ha lasciato maggior spazio alla ricerca sulle materie, ma tra i fogli metallici utilizzati sono visibili i segni del loro uso passato, per esempio sono segnati o a tratti solcati, dall’acqua passata.
Tagli, abrasioni, fori, e velature di colore acrilico sulle superfici metalliche esaltano il contrasto tra luce riflessa e materia opaca, e le composizioni modulari evocano paesaggi informali. Si ammireranno grandi e piccole lamine di ferro recuperate, portate poi in laboratorio e modificate, per poter entrare nelle case dopo tanto esterno, cielo, sole e pioggia.

Per Nalj Jewels di Riva 1920, verranno presentati, durante la stessa mostra, i gioielli sostenibili, all’insegna del recupero del materiale, realizzati utilizzando esclusivamente scarti di lavorazione di Riva 1920. Annalisa Mirizzi e Mimmo Demattia, insieme “Nalj”, hanno messo a frutto la creatività e l’artigianalità tipica italiana creando i loro gioielli che sono il risultato di una attenta ricerca e utilizzo di materiali tradizionali: si tratta di scarti di legni provenienti da aree di riforestazione controllata come noce e rovere, legni di recupero estratto dal sottosuolo in nuova zelanda, le “briccole” di Venezia con la corrosione provocata da anni di permanenza in laguna. In questi preziosissimi e unici gioielli, fatti interamente a mano e senza l’utilizzo di macchinari, gli elementi incassati e le applicazioni sono realizzati con materiali interamente riciclabili come argento 925, oro, pietre dure e semipreziose: l’intera collezione è visibile a Polignano a Mare, sede centrale di Nalj Jewels.

Per info:
Parlangeli Gallery
via Filippo Bacile 14
Lecce

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *