Il Grigio, spettacolo in Teatro

Il Teatro Mascaranu di Nardò propone anche quest’anno un cartellone estremamente ricco e variato, e con grandi nomi di spicco sulla scena teatrale italiana.
Uno spettacolo sullo stile del monologo tragicomico, di  Giorgio Gaber e Sandro Luporini, verrà messo in scena il 3 Marzo 2012: si narra di un uomo tormentato dall’incapacità di gestire le proprie relazioni amorose, schiacciato dalla riluttanza ad assumersi una qualunque responsabilità, lacerato dall’inadeguatezza ad affrontare la vita.

Il pubblico ammirerà uno splendido testo di Gaber, composto e recitato da lui stesso nel 1988, in cui il pubblico verrà tenuto impegnato in un atto unico di un ora e mezza; mimando l’ambiente di una casa,  si narra di questo uomo assillato dai suoi dubbi sul senso dell’esistenza e disgustato dalla volgarità del mondo. Prigioniero delle sue paure, fa ciò che tanti di quella generazione hanno fatto o annunciato di voler fare: va ad abitare in campagna.
Ben presto si accorge di non essere solo, c’è un topo che lo sfida, il Grigio, un animale che angustia le sue giornate, i suoi pensieri. Il pubblico di Nardò comprenderà che la campagna non è ovviamente l’oasi sperata, e che il disagio si incarna nell’arrivo di un ospite inatteso, un topo che diventa subito l’emblema di tutto ciò che disturba l’uomo.
Incomincia tra i due una lotta metodica, serrata, finché il protagonista non scoprirà la meschinità di una vita senza amore e il bisogno dell’altro.

Molto suggestivo il momento in cui l’attore scende tra il pubblico e sembra viaggiare su un doppio binario: da un lato la trama metaforica tra l’io-narrante e l’animale, dall’altro le mille pieghe esistenziali dell’uomo inoddisfatto: sono linguaggi diversi, che trovavano unità nella sua acre ironia.
Nel corso della vita ogni uomo ha provato l’esperienza della solitudine, e questo verrà evidenziato sul palcoscenico di Nardò, perchè quando siu confronta la propria solitudine con quella degli altri, ci si accorge che non ne esiste una sola.
Ognuno  ha un modo proprio di rappresentarsela, di viverla e perché no, d’immaginarsela. Esiste dunque una solitudine diversa per ognuno  e, se spiegarla non è sempre facile, metterla in scena lo è ancor di meno.

Lo spettacolo però viene eccellentemente sottolineato e accompagnato dalla presenza di due musicisti sul palcoscenico: flauto traverso, tastiere e percussioni. Essi sottolineeranno i momenti in cui l’Uomo è proteso nel ricercare all’esterno i significati delle cose, e non si rende conto che s’allontana sempre più dalla fonte originaria interiore, mentre la sua insoddisfazione (sensazione che tocca profondamente tutti gli uomini) è ineliminabile, e lo accompagna per tutta la vita
Ma forse può diventare la strada della ricerca interiore.
Prezzi:
– Platea, e Palco Centrale, INTERO € 15.00 / RIDOTTO € 12.00
– Palco Laterale, INTERO € 12.00 / RIDOTTO € 10.00
– Proscenio, INTERO € 8.00 / RIDOTTO € 6.00
– Loggione, € 6.00

Per info:
Nardò (Lecce)
Teatro Comunale
ore 21:00

Info. 0833.838400

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info {IMU_468_60}

I commenti sono chiusi.