Il pellegrinaggio verso la Madonna della Rocca, a Calimera

5-5-2015 #madonnadellarocca #festesalento

Nel Salento il culto della Madonna della Rocca è diffusissimo ed affonda le proprie origini nei primi anni del cristianesimo, quando vi fu predicato il Vangelo.

Il pellegrinaggio verso la Madonna della Rocca, a Calimera

 

A Calimera a diffonderlo furono gli antichi predicatori e la Madre di Dio strinse un rapporto diretto con i cittadini di questo borgo, conservato intatto per duemila anni. Probabilmente si deve a tale antichissima diffusione il fatto che anche altri paesi del Salento hanno eletto la Madonna loro Patrona, sia pure con nomi diversi.

Molto singolare in occasione di questa festa, è il pellegrinaggio dal paese al santuario, che dista circa 15 km. Questa usanza ha origini antichissime, fin da quando nell’intero Salento si verificò un fiorire delle vie di
pellegrinaggio aventi come meta i luoghi sacri. Fautore di questo
incremento fu, in gran misura, il superamento della paura superstiziosa che popolarmente veniva attribuita ai luoghi sconoscuti, alle strade poco frequentate, in un ambiente di tipo rurale, poco colto, oppresso dal peso incombente del lavoro agricolo, dai rapporti di vassallaggio, dalla violenza endemica e dalle malattie.

Oggi, la peregrinazione spontanea compiuta da centinaia di
fedeli ha permesso al santuario della Madonna della Rocca, in Salento, di diventare un singolare luogo di culto e cultura, nel quale anche grandi opere artistiche costituiscono una tradizione che esprime, come nessun’altra manifestazione culturale, le conquiste della comunità cristiana di Calimera.

In occasione della festa della Madonna della Rocca, non mancheranno anche per il 2015 numerosi stand gastronomici, intrattenimento per i più piccoli, balli e canti della tradizione e visite guidate ai numerosi monumenti megalitici, i famosi dolmen sulla strada che porta a Melendugno, come il suggestivo Dolmen Placa.
A conclusione della suggestiva festa religosa, anche per il 2015 sono previsti dei fuochi pirotecnici. Un’immagine pirotecnica suscita sempre emozione attraverso colori e forme, e il merito di una festa religosa così ben organizzata anno dopo anno, va al Comitato Festa e a quanti con sacrificio, passione e professionalità a Calimera portano avanti questa tradizione straordinaria, capace di riproporre, in uno scenario fortemente suggestivo, sia la tradizione mariana che l’infinita fantasia e l’estro creativo degli antichi maestri del fuoco.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *