Il sacro e il profano della Fiera dei SS Pietro e Paolo a Tricase

Il sacro e il profano della Fiera dei SS Pietro e Paolo a Tricase, 29-6-2013, Tricase

Il sacro e il profano della Fiera dei SS Pietro e Paolo a Tricase Anche in Salento come in ogni luogo, le feste si caratterizzano per essere delle attività rituali di organizzazione sociale del tempo e per essere piacevoli e divertenti. A Tricase, in onore della festa religiosa dedicata ai Santi Pietro e Paolo, il 29 Giugno 2013 si organizza una grande fiera a cui partecipa l’intera cittadina.
Tra festa e quotidiano vi è profonda differenza, ma, contrariamente a quanto si crede a Tricase non si nota contrapposizione: la festa che si concretizza nella fiera, semmai, unisce nell’esperienza collettiva ciò che nella vita quotidiana è normalmente separato.
A caratterizzare la manifestazione saranno, come da tradizione, spettacoli, degustazioni gratuite delle specialità culinarie locali e l’esposizione di prodotti enogastronomici e commerciali.
Si potranno ammirare dunque bellissimi capi di bestiame ove l’importante figura nella compravendita sarà il sensale, che come un tempo mette d’accordo compratore e venditore, aiuta le trattative e contrassegna gli animali con gesso rosso per far capire che non sono più in vendita.
Numerosi gli stand culinari che ovviamente lasceranno grande spazio alla tavola, offrendo le specialità locali a pranzo e cena; non mancheranno le degustazioni gratuite di pesce azzurro e verdure tipiche del Salento.
Presenti anche l’artigianato tipico del Salento, le macchine agricole, il mercatino dell’antiquariato e dell’hobbistica, il luna park, il trenino panoramico e le dimostrazioni di giochi e magie.

La fiera di Tricase è qualcosa di più di una semplice fiera: è connotata non soltanto dai riti ma anche da comportamenti diversi e insoliti, rispetto a quelli abituali, nell’abbigliamento, nell’alimentazione, nell’attività lavorativa, nell’osservanza e nell’inosservanza di divieti, nel permettersi la reciprocità e il dono che la vita quotidiana per lo più inibisce e, soprattutto, nel concedersi lo svago e il divertimento collettivo.

Si tratta di una fiera dalle antiche origini, in cui i sentimenti degli anziani tornano puntuali nella loro ciclicità, ancora capaci di saldare passato e presente, compenetrando il sacro e il profano in una congerie di simboli e di segni, utili a
conferire una identità culturale precisa a questa comunità.

Qualsiasi visitatore si troverà ad ammirare le merci esposte sui vari stand, ad assaggiare le prelibatezze gastronomiche, a divertirsi nella compravendita del bestiame; ma soprattutto il visitatore si troverà a compiere un viaggio nell’anima popolare di questa comunità, che, oggi come ieri, ha fiduciosamente consegnato la propria fragile quotidianità a due Santi mediatori, San Pietro e San Paolo.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *