Il Teatro degli Orrori in concerto

Il Teatro Degli Orrori è un gruppo la cui musica spazia dal rock selvaggio ma elaborato, al tono da bestemmie tipicamente veneto, a irriverenti e profonde liriche, alla bruciante follia rock ipnotica.  I fans lo sanno bene, e accorreranno numerosissimi all’atteso spettacolo che si terrà in Puglia ad Aprile.
I componenti che fanno di questo gruppo il top della musica rock attuale sono il cantante Pierpaolo Capovilla, al basso Giulio Favero, alla batteria Francesco Valente, alla chitarra Gionata Mirai. I loro lavori sono conditi sempre con una poesia che lascia senza fiato, sempre evitando la frase ad effetto fine a se stessa, ed è questo ciò che maggiormente viene apprezzato dai fans.
Certo non ci si aspetta da questo gruppo una canzonetta di protesta o uno sfogo sentimentalee neanche dell’intellettualismo, ma questo desidera il pubblico che da anni li segue.

A Molfetta presenteranno ai fans tutto il loro lavoro, sempre denso, aggressivo e potente ed estremamente ricco di strumenti e sfumature che conferiscono un suono armonioso ai brani, meno grezzi e immediati rispetto a quelli dei loro esordi.

Il gruppo presenterà in Puglia, unica data della loro lunga tournée, pezzi classici ma anche discografia recente, che si presenta molto più complessa negli arrangiamenti e sopratutto nei testi, in cui si parla però sempre di una cattiveria intrinseca, del Terzo Mondo e anche di fame d’amore, in cui si invoca la fine delle guerre ma anche la malinconia.
Uno dei brani più famosi è “La vita è breve” che potrebbe sembrare un inno alla vita e all’amore mentre si rivela la confessione di un omicidio, che sicuramente allieterà il pubblico pugliese e permetterà ancor di più di apprezzare questo gruppo, per chi ancora non lo conoscesse.  “Direzioni Diverse” è forse il brano migliore in assoluto, remixato da Bob Rifo dei Bloody Beetroots, e di una semplicità disarmante.
Certo non si tratta di brani che affrontano temi banali ed ovvi, ma sicuramente i temi trattati entrano sottopelle e si ricordano per anni, forse per sempre.

Il pubblico pugliese ammirerà nei brani di questo famoso gruppo, soprattutto le citazioni di De Gregori come avviene nel brano “A Sangue Freddo” o di Celentano come avviene in “Alt”, che tradiscono un po’ il desiderio di entrare a far parte della cerchia di quelli che hanno davvero lasciato un segno nella memoria collettiva.
Verrà apprezzato a Molfetta anche il rock selvaggio del brano “Vita mia”, il serrato ritmo di “E lei venne!” fino al rollante rock di “Compagna Teresa” e al ritornello melodico di “Scende la notte”, come anche il finale riflessivo di “Maria Maddalena”.

Per info:
Eremo Club,
statale 16 Molfetta-Giovinazzo, ore 22.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *