La Festa del Soccorso di San Severo

La Festa del Soccorso di San Severo è una di quelle antiche feste rituali in onore del santo patrono della città così comuni nella tradizione delle città italiane ma che nel meridione hanno saputo conservare più a lungo la loro genuinità e la loro spontanea bellezza.

A San Severo la festa è dedicata alla Madonna del Soccorso, protettrice della cittadina insieme a San Severino Abate ed a San Severo vescovo. La festa è diventata negli ultimi anni un evento particolarmente conosciuto e famoso, tanto che San Severo, nella terza domenica di maggio, il momento culminante delle celebrazioni, si riempie di visitatori e turisti.

nonna-maria

La celebrazione è particolarmente sontuosa ed evidenzia in maniera esplicita la sua origine barocca, le statue dei patroni infatti sono portate in processione riccamente vestite e la Madonna in particolare è adornata di preziosi gioielli. Non solo le statue sono sontuose, ma anche le portantine dorate su cui prendono posto le statue(i fercoli) che sono riccamente adornati. La processione è molto lunga ed il percorso si snoda lungo quello che una volta era il limite delle cinte murarie.

Il lunedì successivo la nuova processione, ancora più lunga, meno sfarzosa ma altrettanto suggestiva, soprattutto nel finale, quando, la folla rientra tra il frastuono della musica delle bande.

A margine delle processioni si svolge però quello che è effettivamente l’aspetto più spettacolare della festa, e cioè la gara della batterie. Ogni rione al passaggio dei santi fa scoppiare una serie di fuochi pirotecnici, che scandiscono tutta la giornata ed anche le sere successive, quando, intorno alle batterie esplosive ed alle girandole di fuochi artificiali si raduna tutta la popolazione in festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *