La festa della Madonna di Costantinopoli

L’ultima domenica di settembre a Calimera comincia una magnifica festa in onore della Madonna di Costantinopoli, titolo legato all’immagine della Madonna venerata a Costantinopoli nella chiesa degli odigos (delle guide), così chiamata perché sorgeva presso un monastero dove abitavano le guide incaricate di accompagnare quelli che erano affetti da malattie agli occhi presso una fonte non lontana, che si riteneva potesse restituire il dono della vista.

La Chiesa della Madonna di Costantinopoli (detta anche di Santa Lucia) è estremamente cara agli abitanti di Calimera: negli anni ’70 la vecchia chiesetta venne abbattuta per far posto ad uno stabile di maggiori dimensioni, all’interno del quale si può ammirare l’affresco di scuola bizantina, datato 1603, dedicato alla Madonna di Costantinopoli. Questo affresco estremamente suggestivo, testimonia la convivenza del rito greco e di quello latino con due vescovi effigiati: l’occidentale S.Eligio e l’orientale S.Elia.

Non mancano, a Calaimera, altri monumenti grandiosi e di valore inestimabile, quali la Chiesetta di S. Antonio, la Chiesa Parrocchiale o di San Brizio, il Dolmen Placa e la Stele, che richiamano ogni anno centinaia di turisti.

Domenica 25 settembre l’area mercatale di Calimera ospita la centenaria Fiera mercato Madonna di Costantinopoli dalle ore 6 alle 14, a conclusione dell’estate. La mostra dei prodotti dell’artigianato locale si è arricchita nei decenni risentendo degli antichi influssi bizantini, greci, arabi, spagnoli e si presenta oggi come una suggestiva ed esauriente espressione dell’evoluzione culturale di questo territorio. La cartapesta, il ferro battuto, la pietra leccese, la terra cotta, la lavorazione dei tessuti sono la concreta manifestazione delle tradizioni e dei mestieri di un tempo, legati a forme e modelli della civiltà e delle dominazioni passate, da ciò la varietà estetica, tecnica e funzionale dei prodotti dell’artigianato salentino.

Anche un ricco programma di spettacoli, allestiti nei giorni precedenti la fiera, richiama ogni anno numerosi turisti attirati dal fascno degli artisti di strada.

Lunedì 26 settembre, il ricco programma religioso vede un gran numero di sante messe: il culto mariano ha trovato lungo i secoli un punto di riferimento privilegiato all’interno della cittadina. La suggestiva processione per le vie del paese a partire dalle 20 è il momento in cui il popolo di Calimera eleva alla sua santa patrona il suo inno d’amore e di devozione. Il concerto bandistico Città Santa Caterina di Nardò allieterà le varie serate

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *