La Festa dell’Uva, III edizione a Fasano

21-9-2014 #festadelluva #festafasano #festepuglia

L’associazione “Pro Selva” nell’ambito delle manifestazioni programmate in “Selvaestate 2014” organizza per Settembre la “Festa dell’Uva” a Fasano.

Uva, III edizione a Fasano

Fasano è un piacevole centro della Puglia, immerso in un ambiente incontaminato e ricco di campagne, con la presenza nell’abitato di opere artistiche ed architettoniche di importante valore culturale e storico. Il paese è uno fra i tanti della regione a organizzare la tradizione della “Sagra dell’Uva” che si terrà il 21 Settembre 2014.
Nella sagra, che comincerà a partire dalle ore 17.30 in Viale Toledo, non è escluso che si scorgano antiche sopravvivenze dei riti di Bacco delle feste della Roma pagana. Ricercare i significati, palesi o occulti, della festa dell’uva, oggigiorno è operazione interpretativa complessa. Fasano ha un’antica tradizione legata al consumo del vino – le tantissime “cantine” esistenti in paese sono state mitizzate- e ha una produzione vinicola cospicua.
Non va esclusa dunque l’ipotesi promozionale, anche se la sagra non può essere ricondotta a marcate caratteristiche devozionali in quanto da molto tempo la sua laicità e sempre più evidente.
Già dalle 19.00 sarà possibile assaggiare il vitello arrosto, cucinato intero su uno spiedo gigante e offerto ai partecipanti; inoltre, verranno allestiti diversi stands gastronomici dove sarà possibile degustare il vino locale del Canale di Pirro, e acquistare prodotti tipici della zona.

E’ ormai quasi tutto pronto per l’attesissima Sagra dell’Uva, giunta per il 2014 alla sua III edizione:  l’evento è stato organizzato nei minimi particolari e sicuramente, come negli anni passati, richiamerà centinaia di visitatori.
Ci saranno musica e folclore, in collaborazione con l’assessorato alla Promozione del territorio, la comunità silvana, Masseria Murante, la Banda S. Cecilia: la sagra diventa dunque un’occasione che serve a far rivivere i valori di una volta, quando la vita era scandita dalle stagioni, dal sorgere e tramontare del sole. Tradizioni che non possono morire e che vanno tutelate e valorizzate affinché le nuove generazioni non dimentichino le loro radici.

Per l’occasione, verrà inaugurata la nuova tabella turistica presso la chiesetta del Fragno e ci si attende una grande partecipazione da cui scaturisce quella pratica dello stare insieme, del dare senza ricevere, della schietta e solidale accoglienza, patrimonio della civiltà contadina e che è alla base delle comuni radici pugliesi, modello per il presente, stimolo per il futuro.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info
{IMU_468_60}

I commenti sono chiusi.