La Fiera di Ognissanti a Carpignano

La cultura tradizionalista in Salento è normalmente poco nota, troppo spesso confusa con altri filoni di pensiero più vicini ad esperienze politiche contemporanee.
Eppure il tradizionalismo, nella sua pluralità di anime ed ispirazioni, rifiutando ogni distinzione ideologica, rappresenta un tentativo di uscire dalle secche della schematizzazione,  ripetendo feste e fiere antichissime.
La Fiera di Ognissanti di Carpignano, è nata intorno all’anno 1000 come Sagra Agricola e vi si trovavano rudimentali macchine e attrezzature agricole, attrezzi per l’orticoltura, attrezzature olearie enologiche e casearie, prodotti per lavorazione e conservazione dei prodotti agricoli, attrezzature zootecniche, mangimi e prodotti per la zootecnia.
Inizialmente la fiera si svolgeva in località San Cosimo, appena fuori del paese, dove particolare rilevanza aveva il mercato del bestiame, con esposizione e vendita, e vi si svolgeva la pantomima dei sensali, impegnati nella mediazione del bestiame.

Attraverso una ricca documentazione storica, saggistica e giornalistica, si può agevolmente ricostruire il passato di questa affascinante fiera di Carpignano, un passato lungo 1000 anni durante i quali il Salento è radicalmente cambiato più volte.
Un tempo la fiera si svolgeva all’inizio di Novembre, nel momento in cui si avvicinava il periodo invernale: ci si scambiavano prodotti e attrezzi per superare l’inverno in un tripudio di colori, danze, culture, ritmi: un mix entusiasmante che caratterizzava la Festa facendone una spettacolare iniziativa in vista dei rigori dell’inverno.

L’appuntamento è dunque per l’1 Novembre 2012: la fiera combinerà cibo, musica e teatro, e sarà un evento molto seguito, perchè riesce ogni anno ad attirare nel centro cittadino tantissimi spettatori e soprattutto turisti stranieri il cui numero peraltro è in costante aumento.
La fiera apparirà per il 2012 notevolmente ingrandita, pur conservando essenzialmente il carattere rurale di un tempo: da quando venne spostata a Carpignano, dove oggi occupa un’ampia area del paese,  rappresenta un appuntamento che, al di là del puro evento, unisce nel segno del divertimento vecchie e nuove generazioni in una festa moderna ma inserita in una cornice storica di assoluto valore come quella del cuore cittadino di Carpignano.

La Fiera di Ognissanti, riguarda a anche l’arte culinaria del Salento. La Puglia ha migliaia di chilometri di coste e le sue zone sono ricche di vigneti e oliveti, e punteggiate da antiche masserie che tra i muretti a secco nascondono dolmen e menhir.
Al di là dei molteplici modi in cui ogni cucina paesana si può esprimere, attraverso ricette locali realizzate con i prodotti ittici del territorio, il pesce offerto alla Fiera di Carpignano assume un valore che va a costituire un mosaico unico.

Carpignano conserva fra i suoi viottoli e fra le sue strade, delle perle veramente preziose da un punto di vista storico-artistico: passeggiando si possono infatti ammirare i più antichi affreschi della Puglia, conservati nel loro luogo originario: le cripte delle Ss.Cristina e Marina, situate in Largo Madonna delle Grazie, che non si potrà fare a meno di ammirare, giungendo in questi luoghi in occasione della fiera.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *