La Giornata della Terra in Salento

 

Costruire un mondo in cui l’uomo possa vivere in armonia con la natura, è il sogno di molti. E’ un sogno ambizioso: che cosa significa in concreto? In quali azioni si traduce?
La crescita economica, materiale, quantitativa delle popolazioni umane ha un costo per la natura e per ciascuno di noi: le attività dell’uomo hanno superato i limiti di sopportazione del nostro pianeta.
Per la prima volta anche il Salento celebrerà la “Giornata della Terra” che si svolgerà il prossimo 22 aprile, contemporaneamente a tutti i Paesi dell’emisfero nord del pianeta.
Sarà un’occasione importante da utilizzare con sensibilità per richiamare tutti sulla decisiva importanza che ha, per questa generazione, difendere l’ambiente, tutelare la natura, assicurare lo sviluppo sostenibile.  La quota di natura che ogni cittadino usa, a cominciare dall’aria pulita, per continuare con l’ acqua da bere, e per finire con le risorse e i luoghi naturali da vivere, si impoverisce sempre più, e se si vuole un futuro si deve invece custodirla, averne cura
Ridurre il peso sulle risorse naturali, alleggerire l’“impronta” dell’uomo sul pianeta, è ciò che il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone dice direttamente a tutti i sindaci del Salento, a proposito della preparazione della “Giornata mondiale della Terra”.

L’evento arriva in concomitanza con quanto avviene già in quasi 200 Paesi, che ogni anno, in quella stessa data, si mobilitano per organizzare e promuovere iniziative a sostegno della protezione e della sostenibilità ambientale. La natura ha subito negli ultimi 50 anni un significativo degrado. Gli ecosistemi (terrestri, marini, fluviali e lacustri) subiscono sempre più l’impatto dovuto alle attività dell’uomo. Molti ambienti naturali sono stati colpiti dalla frammentazione che ne ha deteriorato la qualità.
Ne sono la causa infrastrutture, espansione di attività industriali e agricole intensive, lo sfruttamento delle risorse non rinnovabili e, più in generale, il consumo del suolo. Impatto, quest’ultimo, aggravato dai cambiamenti climatici già in atto. Il presidente  Gabellone già nei mesi scorsi aveva indirizzato una nota a tutti i primi cittadini dei Comuni salentini per sollecitare l’ideazione e la realizzazione di iniziative sul tema, invitandoli ad assumere autonomamente opportune iniziative, coinvolgendo scuole ed associazioni, in modo da far partecipare all’evento anche le rispettive comunità.

La Commissione giudicatrice del concorso, indetto tra gli allievi dei Licei Artistici per un manifesto celebrativo della Giornata Mondiale della Terra, ha concluso i lavori scegliendo il disegno realizzato dagli studenti del Liceo Artistico “G. Pellegrino” di Lecce, che sarà utilizzato come sostegno pubblicitario alle iniziative che si stanno organizzando localmente per combattere la perdita di natura, il consumo di suolo, la caccia e l’inquinamento e difendere il diritto di tutti ad un futuro più sano, e non mettere più a rischio numerose specie animali e vegetali, e difendere il grandissimo patrimonio di biodiversità che vanta il Salento.

La tavola rotonda su sviluppo ed ambiente, prevista a Lecce per sabato 21 aprile, alle ore 10, presso l’Auditorium del Museo Provinciale “Sigismondo Castromediano”, tratterà il ruolo fondamentale di istituire associazioni che abbiano un certo peso nelle attività istituzionali e legali, finalizzate al mantenimento della legalità ed alla corretta applicazione e miglioramento delle leggi italiane, europee ed internazionali sulla tutela dell’ambiente e della salute. Il cambiamento anche di un solo articolo di una legge può essere essenziale per la tutela dell’ambiente. La condanna di inquinatori, bracconieri, cementificatori, rappresenta la vittoria della legalità e del diritto di tutti a non vedere saccheggiate le risorse della natura e a vivere in un ambiente sano.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *