La madonna dell’Uragano a Martano

Tra le festività salentine legate alla fede cristiana ve ne è una particolarmente sentita a Martano, quella della Madonna dell’Uragano. Vi è una tradizione lunga tanti anni ed è così sentita e curata da distinguersi da tutte le altre che si svolgono nei dintorni.
Oggi sono molte le cerimonie dedicate a questa Madonna che non vengono più celebrate: ciò che oggi però può sembrare un’inutile esteriorità o, addirittura, esibizionismo folcloristico, era invece per i vecchi espressione di fede. Una fede genuina e semplice che si manifestava anche con un canto in latino o una messa in più.

Comunque ancora oggi il gran numero di chiese e cappelle intitolate alla Vergine, a Martano,  testimonia la profonda devozione degli abitanti per Maria, presente con svariati appellativi: Immacolata Concezione, Madonna delle Grazie, Madonna dei sette dolori, Assunta, S. Maria di Monserrato, S. Maria delle Nevi, Madonna del Rosario, Maria SS. del Carmine, Annunziata, Madonna del Soccorso, S. Maria di Costantinopoli, Incoronata.


La Chiesa dell’Immacolata costruita intorno alla fine del ‘600 e la Chiesa della Madonella del XVIII secolo, testimoniano entrambe la devozione alla Madonna.
Tale devozione ha origini antichissime. Alcuni culti, come quello della Madonna dell’Uragano risalgono al 1800 quando, secondo la tradizione locale, la Vergine risparmiò alcuni centri salentini da una violenta tempesta che si era scatenata nella giornata del 10 settembre, mietendo nei paesi circostanti diverse vittime.

Oggi se si esclude Martano, la festa non riveste più quel carattere popolare che coinvolgeva l’intera popolazione e questo è dovuto anche a ragioni pratiche come, ad esempio, il problema della viabilità e la difficoltà di reperire la “materia prima” che veniva utilizzata per addobbare il percorso della processione, cose e oggetti un tempo di uso comune ma che ormai sono scomparsi dalla circolazione.

All’ombra del Castello Aragonese del XV secolo, edificato da Ferdinando e Alfonso d’Aragona,  si svolge la festa del paese, durante la quale si esibiranno anche gruppi musicali o cabarettisti e a concludere la serata un magnifico spettacolo pirotecnico, non solo per le persone presenti, ma per tutti i paesi circostanti che possono ammirare il meraviglioso gioco di colori grazie alla posizione imponente della cittadina.

Suggestiva la processione che alle 16.30 del 19 Novembre percorrerà tutte le vie del paese, seguendo il tradizionale percorso. Durante il tragitto ci si fermerà agli altari che le donne avranno adornato in onore alla Madonna e verranno recitate delle preghiere.
Nel tragitto verranno sparati fuochi pirotecnici e a conclusione della giornata si avrà la celebrazione della messa cantata.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *