La processione di ’u curpe de Criste, a Martina Franca

La processione di ’u curpe de Criste, a Martina Franca, 30-5-2013, Martina Franca

La processione di ’u curpe de Criste, a Martina FrancaGli eventi religiosi e le possibilità di partecipare a concerti e spettacoli, a Martina Franca sono numerosi: la primavera è sicuramente il momento privilegiato per scegliere una giornata all’insegna della spiritualità, del folklore, della musica o del teatro, viste le iniziative curate dal Comune di Martina Franca. Il 30 Maggio viene festeggiato in modo molto suggestivo il Corpus Domini: fin dal 1246, il vescovo di Liegi ordinò con un decreto sinodale che ogni anno, il Giovedì dopo la Santissima Trinità, tutte le Chiese avrebbero dovuto osservare. Una festa solenne in onore dell’ineffabile Sacramento del Corpo del Signore:il Corpus Domini.

E’ da allora che a Martina Franca si organizza questa sacra festa, che assume note di particolare bellezza per accogliere il Cristo che passa per le strade: dai balconi barocchi del centro storico, adorni di angioletti, vasi di gerani e alberi di limone, si affacciano persone tra coperte, copriletti, lenzuola, tovaglie, coltri lavorate a chiacchierino: l’intera cittadina assume un aspetto meraviglioso: poche feste sono tanto affascinanti come la processione del Corpus Domini di Martina Franca.

La processione vede la partecipazione delle otto confraternite martinesi nei loro antichi abiti di rito, con gonfaloni alti quattro metri e intessuti di seta e d’oro, crocifissi e lampioni d’argento. Ciò avviene in ricordo del miracolo eucaristico: si narra che per una monaca aveva spesso la visione della luna a cui mancava un pezzo, finché Cristo stesso non le spiegò che detto disco rappresentava il calendario liturgico a cui mancava una festa in onore dell’Eucarestia.
A Martina è chiamata in dialetto la festa di “’u curpe de Criste” ed è caratterizzata dalla partecipazione appunto delle Confraternite, tra cui spicca la confraternita degli Artieri Cavalieri dell’Immacolata, nata grazie ai frati francescani Osservanti nel 1710; è detta degli Artieri, per il numero consistente di artigiani aderenti.
La confraternita dell’Immacolata Concezione detta dei Nobili fu fondata nel 1600 da un gesuita, il padre Gabriele Mastrilli. Il sodalizio era destinato agli ecclesiastici e a laici purché benestanti. L’abito della confraternita si distingue per il sacco bianco e la mozzetta di seta azzurra ricamata in oro. Negli anni Settanta la confraternita ha accolto fra i suoi adepti anche le donne.
L’arciconfraternita del Carmine nacque nel 1713 da un gruppo di terziari che si riuniva in preghiera con i carmelitani della chiesa del Carmine. La confraternita accoglieva persone provenienti da diversi ceti, senza discriminazioni sociali. La divisa che contraddistingue la confraternita prevede un camice bianco stretto sui fianchi da un cordolo, la mozzetta color avana e lo scapolare con l’immagine della Madonna.

Per info:
Basilica di San Martino
Martina Franca
ore 20:00
Tel. 328/7024035

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *