La sagra delle Strascenete ch’ la brasciole

A Settembre arrivano in Puglia le sagre, i laboratori e gli atelier gastronomici per scoprire i segreti delle ricette tradizionali e del mondo contadino pugliese.
Il 6 e 7 settembre 2012, a Grumo Apulla ci saranno pomeriggi dedicati alla passione per la cucina e ad apprendere, divertendosi, metodi e tecniche per la preparazione dei principali piatti tipici della puglia. Tutto ciò sarà alla base della rinomata sagra della “Strascenete ch la brasciole”, le orecchiette con la braciola,  in cui i segreti delle ricette tradizionali verranno svelati in un percorso a sorpresa dalla preparazione alla degustazione.
Non mancheranno strada facendo gli assaggi, gli abbinamenti con i vini del Salento e le birre artigianali di produzione locale e le curiosità legate alle tradizioni centenarie di una cucina semplice e sincera.

A Grumo Appula, il caratteristico centro storico, che permette di calarsi in un’atmosfera d’altri tempi, la Chiesa Matrice di santa Maria Assunta e il campanile faranno da splendida location per questa attesissima sagra, che vede prima di tutto una gara: tra i vari quartieri della città si prepareranno delle “strascenate” (orecchiette) e si avrà la premiazione della migliore “Strascenete” alla quale verrà dato il premio la “Strascenete d’Oro” da una giuria di esperti di arte culinaria.
Per preparare le “strascenete”, le cuoche esperte di Grumo Appula tengono presente orientativamente la seguente ricetta: occorre la semola. Durante tutto il pomeriggio del 6 Settembre, si ammireranno gli addetti che faranno spazio su un ripiano largo disposto in piazza, metteranno la semola a “vulcano” e al centro inseriranno sale e acqua; poi cominceranno a lavorare a mano l’impasto.


Le orecchiette sono una tradizione pugliese, sono conosciute principalmente per le cime di rapa, ma le orecchiette sono una pasta che può essere condita in qualsiasi modo e a Grumo Appula, il condimento per eccellenza è rappresentato dalle braciole.
Affascinante sarà ammirare i cuochi al lavoro, mentre lavoreranno la pasta per una decina di minuti fino a quando all’interno si saranno formate delle bollicine: per le orecchiette infatti si deve ottenere una pasta piuttosto soda e liscia; per vincere la gara, i cuochi più esperti che sanno perfettamente come si fa e conoscono i segreti per una buona riuscita, copriranno la pasta con un panno umido e staccheranno un pezzetto di pasta alla volta: arrotolato sulla spianatoia infarinata fino a ottenere un cilindretto dello spessore di una matita, e tagliato a pezzetti lunghi un centimetro, darà origine alle “strascenete”.
Con la punta arrotondata di un coltello infatti, è consigliato “strascinare” ogni pezzetto sulla spianatoia in modo che la pasta, curvandosi, diventi simile a una conchiglietta, in questo modo si forma l’orecchietta.
Centinaia di “strascenete” verranno sistemate sulla stessa spianatoia, fino al momento della cottura e poi della premiazione.

Durante la serata si svolgerà il clou della sagra, con la degustazione delle strascenete con la brasciole, condite da un ragù Grumese, con una spolverata di formaggio pecorino della Murgia e con una fetta di pane casereccio di Altamura.
Si potranno gustare anche orecchiette con pesto di ortiche e burrata, orecchiette con i broccoli, orecchiette con piselli e pancetta, orecchiette con sugo di triglie e olive taggiasche, orecchiette con le ortiche e pancetta, orecchiette con le cime di rapa, orecchiette ai porcini, orecchiette salsiccia e pomodoro, orecchiette asparagi e gamberi
Il tutto innaffiato da un buon bicchiere di vino rosso Primitivo forte.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *