La tecnica della fiabazione, laboratorio a Carmiano

Quando si legge una fiaba, non si è solo curiosi di sapere “come va a finire”, ma si è catturati dalla magia delle situazioni fantastiche che si creano e dalle caratteristiche dei personaggi.
La fiaba ha uno schema narrativo fisso e  presenta situazioni analoghe, azioni e personaggi simili: un laboratorio incentrato sulle tecniche della fiabazione e di Teatroterapia quale strumento di intervento nella relazione d’aiuto, viene presentato a Carmiano.

Il laboratorio ha come titolo completo “La Tecnica della Fiabazione: Laboratorio sulla Costruzione delle Storie” e si svolgerà a  nei giorni di sabato 13 e domenica 14 Ottobre 2012, condotto da Stefano Centonze: appare particolarmente indicato per insegnanti, educatori, assistenti sociali, psicologi, medici, fisioterapisti, terapisti della riabilitazione, infermieri, logopedisti, studenti universitari, artisti.
Una sarà la domanda iniziale che verrà posta al gruppo: perché la vita reale non può essere un grande romanzo? Ma anche nella vita ci sono un inizio, uno svolgimento e una conclusione, per non parlare delle complicazioni che rompono l’equilibrio.
Nelle storie niente può essere lasciato al caso. Giunti alla fine, gli indizi raccolti lungo il percorso permettono di assegnare una risposta a ogni domanda, e niente viene etichettato come superfluo o scontato.
La trama aiuta il lettore lungo il percorso permettendogli di trovare le risposte, di comprendere il perché delle situazioni raccontate e di avvicinarsi alla soluzione dei conflitti.
In poche parole, la trama è il filo conduttore che attraversa tutti gli elementi di una storia e li tiene uniti, e aiuta ad attivare i processi di identificazione con i personaggi.

Nel laboratorio sulla costruzione delle fiabe e delle storie che verrà presentato a Carmiano, si attivano quindi i processi di identificazione con i personaggi, reali o immaginari, delle stesse, che guidano l’operatore verso l’acquisizione di un punto di vista “altro” rispetto ai propri vissuti ed al proprio essere nel mondo. Parimenti, appare significativo che egli sia in grado di riconoscere i processi di proiezione che ostacolano la giusta distanza nella relazione d’aiuto.

Stefano Centonze è un Musicoterapista, Scrittore, Sceneggiatore, Regista teatrale, Fondatore dell’Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative e del Polo Mediterraneo di Musicoterapia. Si è specializzato in Musicoterapia e nello studio della comunicazione non verbale filtrata dal linguaggio del corpo e delle emozioni.
Come Direttore della Scuola di Formazione Professionale Circolo Virtuoso e dell’Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative di Carmiano, metterà in piedi questo laboratorio basato sulla condivisione, tra i partecipanti, degli aspetti emotivi legati alla comunicazione non verbale.
Se si pensa alla trama come alla corda su cui il funambolo-lettore cammina, si comprende il perché della sua importanza: una corda non tesa perfettamente o di scarsa qualità può pregiudicare il piacere della lettura. Purtroppo quando accade non si ha a disposizione alcuna rete di salvataggioe se il lettore cade, si farà male e darà la colpa allo scrittore, nel peggiore dei casi rifiutandosi di dargli una seconda possibilità.
Da cui l’importanza di costruire bene una storia.

Il laboratorio non richiede alcuna competenza pregressa ma solo la motivazione dei partecipanti a mettersi in gioco ed a vivere, in piena libertà, un’esperienza ricca e gratificante. Allo stesso tempo costituisce un ottimo approccio allo studio delle Arti Terapie.
Centonzi spiegherà cosa sono esattamente le arti terapie, in base a quali principi operano e come è possibile verificarne l’efficacia terapeutica e la validità metodologica.Spiegherà come gli interventi terapeutici che si avvalgono della musica, del disegno, della danza, del teatro, della poesia, condotti da figure professionali qualificate e in un contesto operativo affidabile, possano essere un prezioso strumento di aiuto per superare disagi psichici e sociali.

Il laboratorio di Carmiano è inserito nei percorsi di formazione del Protocollo Discentes per le Arti Terapie in Italia, nell’ambito del quale prevede il rilascio di Attestato di Frequenza per le ore svolte da parte dell’Ente organizzatore, in partnership con la Scuola di Specializzazione Triennale in Arti Terapie dell’Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative di Carmiano (LE).

Per info:
Carmiano (LE)
Circolo Virtuoso, Scuola di Formazione Professionale
Via Lecce n. 51
Orario: dalle ore 10 alle ore 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00
Contributo di € 120,00

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *