La tromba di Fabrizio Bosso a Taranto, concerto

La tromba di Fabrizio Bosso a Taranto, concerto, 27-2-2013, Taranto

Il famoso trombettista torinese Fabrizio Bosso, caratterizzato dall’essere tecnicamente impeccabile, si esibirà in trio al Teatro Padre Turoldo di Taranto. Non è la sua città, Torino, a celebrarlo, ma la Taranto in cui ha suonato pochissime volte, ma che lo ha sempre ammirato incondizionatamente. Bosso è il genio capace di intuire sonorità e strutture musicali di alto valore artistico e a Taranto si esibirà in un concerto raffinato e godibile per tutti gli amanti di musica il 27 Febbraio, nello storico teatro Turoldo, che ha sempre visto esibirsi l’elite della musica jazz: qui i fans potranno nuovamente apprezzare Fabrizio Bosso, uno tra i migliori trombettisti italiani affermatosi nell’attuale scena jazz a livello nazionale ed internazionale.

Il giovane trombettista, che suona la tromba dall’età di 5 anni, fin da subito fece scalpore per l’agile e dinamica congruità stilistica con cui si presentava sui palcoscenici d’Italia; il suono del suo jazz moderno andò immediatamente a genio al pubblico, caratterizzato da uno stile fresco, rilassato, agile. A Torino trovò le condizioni ideali per crescere artisticamente e registrò numerose sessions divenute nel tempo autentiche gemme appartenenti al suo vasto repertorio.
Nel 1999 venne votato come “Miglior Nuovo Talento” del jazz italiano e in seguito collaborò stabilmente con gli High Five di cui era membro, suonò in duo con Rossano Sportiello, in trio con D’Andrea e Petrella, e nel suo quartetto con Mannutza, Bulgarelli e Tucci.
Oggi Bosso è un affermato un artista, ha tutte le qualità degli altri musicisti, ma in più il fascino di una maniera unica di suonare. Gli hanno reso ulteriore fama le fortunate collaborazioni con Sergio Cammariere, Mario Biondi, Nina Zilli e l’importante partecipazione allo show televisivo con Panariello.

Molto attese a Taranto sono le esecuzioni dei brani del progetto Enchantment, un omaggio al compositore italiano Nino Rota: in questi brani il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante, per un risultato eccellente.
Ad impreziosire maggiormente l’opera, una brano rarissimo composto da Rota, Ragazzo di Borgata, edito dalla casa discografica Cam nel 1976 solo su 45 giri. Bosso è anche famoso per le sue esibizioni in cui rivisita in chiave jazz grandi classici, noti e meno noti, della tradizione spiritual e gospel: spazia dalla bossa nova alle sonorità afro come “When the saints go marching in”, oppure “Happy day”, con lo scopo di esaltare il pezzo stesso attraverso la propria personale rilettura.

Per info:
Teatro Padre Turoldo,
via Laclos
Taranto
Tel. 099-7323472

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *