La XXXIII Sagra del Maiale di Faeto

2-2-2014 #sagre #tradizioni #faeto

Il maiale di Faeto è un maiale speciale: viene allevato allo stato brado nei pascoli e nei boschi del territorio, essendo abile a procacciarsi il cibo, avendo una buona attitudine al pascolamento e un ottima resistenza degli arti, oltre a un temperamento dinamico e docile.
Il bosco di Faeto, cittadina nella quale ogni anno il maiale viene celebrato con una grande festa, per le sue caratteristiche è stato denominato “sito di importanza comunitaria dell’Unione Europea”, in quanto è stato riconosciuto come area che contribuisce in modo significativo a mantenere una certa tipologia di habitat e la biodiversità del luogo.

La XXXIII Sagra del Maiale di Faeto

Il Maiale di Faeto viene festeggiato la prima domenica di febbraio, quest’anno il 2 febbraio, in una occasione tutta sua detta “Fete de lu caiunn”: quella di Faeto è una razza famosa almeno quanto la Cinta Senese, la razza più importante autoctona italiana, di colore nero ma con fascia bianca continua all’altezza delle spalle. Il maiale di Faeto presenta invece un mantello nero ardesia, con rade setole e totale assenza di bianco, testa voluminosa a profilo rettilineo, orecchie portate in avanti e in basso, tronco lungo e convesso.
Viene allevato a Faeto, località ove ancora sopravvive l’ultima minoranza linguistica franco-provenzale, perchè per crescerlo c’è un ridotto investimento iniziale: nella quasi totalità si alleva nei boschi e in pascoli spontanei. Il forte successo di questa razza è legato alla sua adattabilità

Il maiale di Faeto è un incrocio con il cinghiale, e ha una carne abbastanza dura, ma magrissima. Si tratta di carni prelibatissime e preziose: in Spagna col Maiale di Faeto si fa il prosciutto ”Patanergra” che costa a 150,00 € al kilo. E’ per questo che ogni anno, oltre 3000 visitatori accorrono per degustare la carne di questo maiale.
La specialità che accompagnerà le succulente pietanze, sarà il “suffrì e panùnte” (soffritto e pane unto), una prelibatezza preparata con carni di maiale, patate, peperoni sottaceto e pane con olio d’oliva, il tutto accompagnato dal vino rosso di Troia.

Per l’occasione si svolge anche la mostra mercato di uno dei settori di eccellenza gastronomica della Puglia, cioè i salumi: uno spazio espositivo che attraversa le vie della cittadina, in cui proporre iniziative e incontri, laboratori, eventi culturali, corsi di degustazione e di formazione professionale.
Sono anche previste visite guidate al Museo della civiltà contadina di Faeto e Celle San Vito, oltre musica popolare e danze in piazza.
Al termine della serata seguirà l’estrazione della lotteria e il primo premio è un maiale vivo di svariati quintali.
Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *