Le diversità, rassegna di cinema a Capurso

Il cinema riveste un ruolo importantissimo nell’immaginario contemporaneo, perché ha interpretato sin dalle sue origini il desiderio di ognuno di evasione, traducendolo in mirabolanti scenografie e avventurosi viaggi. Una rassegna cinematografica, dal titolo “La diversità” propone i grandi classici partendo da quattro capolavori del cinema, che sono arricchiti da dibattiti con artisti e registi.
La “diversità” trattata, riguarderà il Nord e il Sud dell’Italia; l’analisi delle condizioni in cui si è svolto lo sviluppo economico italiano, dopo l’Unità, è stata imperniata sul concetto della crescita dell’apparato industriale del Nord, e molti ostacoli hanno impedito il decollo produttivo delle regioni meridionali. Questo sarà il tema di fondo della rassegna cinematografica di Capurso.

Dalle origini ai film di culto degli anni ’50, sino alle opere più mature che, dagli anni ’60 ad oggi, hanno trasformato il cinema in una ricerca nel profondo dell’anima umana: a Capurso si affronterà un percorso emozionante, con un evento imperdibile ed esclusivo;  “Benvenuti al Nord” il 13 Ottobre 2012: è un film di Luca Miniero, terminato di girare proprio nel 2012,  con colonna sonora di Umberto Scipione, già autore delle musiche di Benvenuti al Sud.
Un impiegato delle poste in Campania viene trasferito al Nord, precisamente a Milano in Lombardia, dove vivrà a casa dell’amico. I due protagonisti dovranno affrontare le rispettive crisi con le proprie compagne, che abbandoneranno i loro uomini. Alla fine riusciranno a ritrovarsi e a far capire anche ad esse che i propri caratteri sono cambiati in meglio e riusciranno ad abbattere anche i pregiudizi dei meridionali verso il Nord.

Seguirà, il 20 ottobre, “Magnifica presenza”, anche questo un film del 2012 in cui il protagonista, Pietro, arriva a Roma dalla Sicilia con un unico grande sogno: fare l’attore. Tra un provino e l’altro sbarca il lunario sfornando cornetti tutte le notti. È un ragazzo timido, solitario e l’unica confusionaria compagnia è quella della cugina. Pietro trova, finalmente, una casa tutta per sé, un appartamento d’epoca, dotato di un fascino molto particolare, ma cominciano ad apparire particolari inquietanti.

Il 10 Novembre, “Terra ferma” di Emanuele Crialese, con Donatella Finocchiaro e Beppe Fiorello: è la storia di un’isola siciliana, di pescatori, quasi intatta, appena lambita dal turismo, che pure comincia a modificare comportamenti e mentalità degli isolani. E al tempo stesso investita dagli arrivi dei clandestini, e dalla regola nuova del respingimento: la negazione stessa della cultura del mare, che obbliga al soccorso. Una famiglia di pescatori con al centro un vecchio di grande autorità, una giovane donna che non vuole rinunciare a vivere una vita migliore e un ragazzo che cerca la sua strada morale.

Infine, 1l 17 Novembre, “Cose dell’altro mondo” con Valerio Mastandrea, Diego Abatantuono e Valentina Lodovini, presenterà una bella, civile e laboriosa città del Nord Est, con una percentuale alta di lavoratori immigrati, tutti in regola e ben inseriti. Ma gli immigrati, vengono invitati a sloggiare, e “Cose dell’altro mondo” esplora questo paradosso, con lo stesso linguaggio politicamente scorretto del suo protagonista: ironia in luogo della drammaticità, imbarazzo al posto dell’ideologia.

La rassegna di Capurso, dunque, si ripropone, in termini nuovi, ma di grande significato e valore, il tema della modernizzazione del Mezzogiorno, come opportunità ed esigenza dell’opera di crescita dell’economia e della società italiana. La rassegna farà comprendere questa ineludibile necessità, riducendo le distanze tra orientamenti di analisi profondamente diversi e aprendo un confronto proficuo sulle iniziative da intraprendere per risolvere il problema dei problemi dell’Italia.
Quella del 2012 è la terza edizione della Rassegna Cinematografica, che quest’anno viene inserita all’interno della programmazione delle attività culturali capursesi “Vivo d’Autunno”, promossa e organizzata dall’ Assessorato alle Politiche Giovanili, Culturali e per lo Sport e Marketing Territoriale del Comune di Capurso.

Gli appuntamenti, tutti di sabato sera, saranno aperti da una mini-rassegna di corti girati dagli alunni delle scuole di Capurso. Anche per quanto riguarda l’istruzione, l’Italia è “spaccata” in due: la situazione dell’istruzione è decisamente peggiore nelle regioni meridionali rispetto a quanto avviene in quelle del Centro-Nord. Ecco perchè inserire una rassegna anche di brevi film girati dagli studenti del sud, in questo caso di Capurso: si tratta di una sezione libera, in cui i film-cortometraggi hanno una durata massima di 30minuti, in cui si promuovono la tradizione, la realtà,la storia e la vita della città e dei suoi abitanti in qualunque maniera e con qualsiasi mezzo di ripresa. Si tratta di riprese in forma breve, con tecniche nuove e recenti, che a causa della durata magari risulteranno poveri di sistematizzazioni, ma sicuramente ricchi di energie e suggestioni.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *