Le leggende del presepe di zolfo a Santa Cesarea Terme

Le leggende del presepe di zolfo a Santa Cesarea Terme, 24-12-2012, Santa Cesarea Terme

In questo periodo dell’anno Santa Cesarea Terme sembra immersa in una nuvola onirica e irreale, sospesa in una dimensione fantastica. I turisti sono attratti in particolar modo dalla produzione di pastori in terracotta creati da famiglie di artigiani salentini di una tradizione antichissima. Si può girare tra i mercatini alla ricerca di un personaggio con cui arricchire il proprio presepe e allo stesso tempo passeggiare fra i ricordi, dentro la memoria,lungo il confine tra storia e leggenda.

A Santa Cesarea Terme, ogni anno, il 24 dicembre si rinnova la possibilità di vedere il Presepe di zolfo nella grotta sulfurea.
Nota molto prima del XV secolo, la leggenda vuole che Santa Cesaria dimorasse proprio nella grotta oggi detta della Madonna, Grotta Grande o Grotta Sulfurea; e le testimonianze di come le acque si dimostrassero benevoli per alcune malattie si moltiplicano nel XV secolo e in quelli successivi.
Un’altra leggenda associa il caratteristico odore di zolfo che le acque di questa grotta emanano, alla decomposizione dei corpi dei giganti Lestrigoni che vennero uccisi da Ercole.

L’ingresso della grotta ove verrà allestito il Presepe, è largo circa 4 metri e immette in una sala ellittica al cui interno si apre un piccolo varco che da accesso ad un corridoio alla cui fine c’è la sorgente sulfurea. L’ odore di zolfo dunque giustifica il nome della grotta, le cui rocce sembrano scolpite da un fiume, e appaiono bianche e lisce: una location naturale perfetta per la messa in scena di un presepe.

Non solo leggende, non solo costumi antichi, non solo luoghi intrisi di secoli di storia, ma nel presepe di zolfo di Santa Cesarea Terme si troveranno anche attrezzi e arredi di un tempo passato per rendere ancor più viva e vera la rappresentazione. Mole, carri, secchi, bilance, seghe, botti, imbottigliatori, frantoi, arcolai, torni, mortai: attrezzi che ritornano a nuova vita seppur riprodotti in miniatura nel presepe di zolfo. Ogni mestiere ritroverà i propri strumenti originali, ancora quelli di una volta e ancora funzionanti.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *