L’VII edizione della Sagra dell’uva ad Otranto

L’VII edizione della Sagra dell’uva ad Otranto, 24-9-2013, Otranto

L'VII edizione della Sagra dell'uva ad OtrantoLa Sagra dell’Uva di Otranto è giunta nel 2013 alla sua VII edizione, ed è testimone dell’impegno e del sacrificio di molti otrantini che, grazie ad essa, possono raccontare di questa piacevole terra e della sua gente cordiale.
Otranto è infatti una delle poche cittadine della Puglia che ancora conserva intatta la suggestiva tradizione della Sagra dell’Uva, organizzata nel passato anche in altri centri.
Le origini della sagra che si svolge ad Otranto, risalgono a svariati anni addietro, come festa prettamente rurale dove gli agricoltori e viticoltori dell’intera Puglia esponevano i loro prodotti. Nel corso del tempo la sagra è diventata una festa capace di coinvolgere tutta la regione e oggi catalizza una notevole affluenza di pubblico.

I vini della Terra d’Otranto nel 2011 hanno ottenuto il riconoscimento della denominazione di origine controllata, con approvazione del relativo disciplinare di produzione; oggi quindi, la Sagra dell’Uva di Otranto non è più una semplice devozione dei prodotti viticoli, ma una vera e propria festa con l’allestimento di numerosi stand per le strade cittadine, che diventano così protagonisti e motivo predominante della Sagra dell’Uva di Otranto.
Si potranno infatti gustare il Salice Salentino, ottenuto dalle tradizionali varietà di Negro Amaro e di Malvasie Nere; il Leverano; uve di Negro Amaro e di Montepulciano per assaggiare il Copertino; il D.O.C. Squinzano; il Matino; il Galatina; l’Aleatico di Puglia; il Primitivo.
In particolare, la denominazione di origine controllata “Negroamaro di Terra d’Otranto” rosso, anche riserva, è riservata ai vini ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti da vigneti composti dal pregiato vitigno Negroamaro per almeno il 90%.

Le numerose bancarelle presenteranno una variata gamma di prodotti, mentre le corti offriranno un percorso gastronomico basato su piatti salentini, simbolo del duro lavoro nei campi, con la rappresentazione di scene di vita contadina abilmente ricostruite, nella cornice fatta di mezzi e di strumenti della civiltà rurale di un tempo e non più in uso.
La Sagra dell’Uva di Otranto si trasforma in generoso e complice traguardo per tutti coloro che si accalcano nella fiumana di gente pronta e desiderosa di ricevere un assaggio dei tanti prodotti tipici della campagna salentina, dai grappoli di uva alla piacevole carne sulla brace, dai piatti colmi di orecchiette alle cime di rapa alle friselle intinte nel pomodoro, tutti preparati come si faceva una volta. E, naturalmente, l’intenso e prelibato vino locale.
L’animazione culturale, artistica e musicale completerà come ogni anno la ricca offerta della sagra, e la festa diventerà spettacolo tra le strade della cittadina con giovani che balleranno con costumi folcloristici mostrando cesti pieni di uva e distribuendo dell’ottimo vino rosso autoctono, così buono da lasciare sulla bocca e nel bicchiere il rosso intenso e profumato del proprio carattere.

La sagra dell’Uva di Otranto è ormai divenuta una tradizione tramandata di anno in anno, testimonianza di valori che hanno sfidato il tempo e che hanno confermato, da parte degli otrantini, le qualità umane e di attaccamento alla propria terra. Ogni anno la Sagra dell’Uva di Otranto coglie l’occasione di arricchire l’animo della sua storia e cultura, ma anche dei suoi solidi valori.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *