Madonna SS. della Fontana a Torre Maggiore

Il culto mariano ha trovato lungo i secoli un punto di riferimento privilegiato
all’interno della cittadina pugliese di Torre Maggiore. Il titolo di  Madonna SS. della Fontana dato alla Vergine dalla pietà popolare degli abitanti di Torre Maggiore,  riporta alla splendida chiesa, primo santuario mariano della diocesi. Con questo titolo, durante i secoli, i fedeli di Torre Maggiore hanno celebrato la
festa della Madonna da sempre per tutta la settimana successiva alla Settimana Santa.

Il Santuario della Madonna della Fontana, è una costruzione importantissima, in questa cittadina; il culto della Madonna della Fontana è millenario e risale al X secolo, quando i benedettini della Badia di S. Pietro di Terra Maggiore fondarono la chiesa in prossimità di un’importante fontana pubblica. Qui confluivano le acque sorgive, incanalate mediante un acquedotto sotterraneo, per sopperire alle necessità idriche del monastero e del casale.
La chiesa, originariamente dedicata a S. Maria dell’Arco, in seguito venne chiamata “Madonna della Fontana” per la vicinanza della fonte. Interessante appare agli occhi dei turisti, per l’inusuale conformazione, l’adiacente piazza dell’Incoronazione, dove la festa avrà luogo.


Una importante testimonianza della fede verso questa Madonna, è l’ex voto di Pasquale Marino, accusato di essere un brigante, quando venne condotto incatenato verso il luogo dell’esecuzione; ma per intervento della Madonna scampò alla morte.
Il santuario è vasto e grande, in un bel barocco curato e raffinato, con una statua mariana di grande bellezza. E’ una bomboniera, amata e curata, gloria delle pianure che attorniano Torre Maggiore: anzi, è proprio il santuario a fare da sigillo di bellezza e di grazia come dice il suo nome. Tutto il paese è cresciuto attorno a questo luogo.
Nel 1897 la chiesa si arricchì dell’attuale gruppo statuario raffigurante la Vergine col Bambino tra i santi Francesco e Antonio; nel 1983 il simulacro della Vergine venne decorato con corona d’oro in una solenne cerimonia; nel 1997, in occasione del centenario, il pregevole gruppo statuario, restaurato, è stato restituito alla fattura originaria.

Torre Maggiore la cui etimologia del nome pare un composto di “torre” e “maggiore” e la tradizione richiama alle 4 torri del castello del paese, dal 9 al 12 aprile 2012 si arricchirà di luminarie, durante i giorni della festa, e concerti bandistici rallegreranno l’atmosfera già gioiosa. Non mancheranno fuochi pirotecnici e giostre per i più piccini, nonchè stand gastronomici per assaporate i sapori pugliesi più prelibati.
Arduo dire se servirà di più la pazienza o la fortuna per trovare oggettini simpatici o di valore, ma disicuro sarà un divertimento curiosare fra le numerosissime bancarelle.
Certo ci si potrà anche acculturare sulla storia di questa festa, e scoprire che il feudo di S. Maria dell’Arco, dopo la soppressione dei benedettini, passò dapprima ai templari e successivamente a diversi feudatari, fino a diventare patrimonio secolare dei principi de Sangro. Costoro, realizzarono opere di intervento presso l’affresco della sacra effige e la struttura della chiesa.
Nel 1810 la chiesa divenne proprietà dell’Amministrazione Comunale di Torremaggiore, e si presero cura del mantenimento del culto della Madonna alcuni devoti, che provvidero a restaurare la chiesa a spese del popolo nel 1830 e nel 1894.

Ecco perchè il culto della Madonna della Fontana è tanto caro agli abitanti di Torre Maggiore.

Per info
Pro loco:329-3174506

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *