Melendugno e il suo Carnevale

Melendugno e il suo Carnevale, dal 2-2-2013 al 12-2-2013, Melendugno
Comunque la si pensi, il Carnevale a Melendugno è di certo l’avvenimento dell’anno. Per tutto l’anno ogni uomo e ogni donna non ha avuto in testa che un solo, magico nome: Carnevale. Migliaia di ore per confezionare vestiti suntuosi, barocchi, anacronistici; tutto questo per sfilare magari solo un’ora, ballando e divertendosi infaticabilmente magari anche sotto la pioggia scrosciante, sempre allo stesso ritmo.
Il Carnevale a Melendugno è organizzato dall’associazione “Amici del Carnevale melendugnese” che ha ormai più di 40 anni. Come consuetudine, anche per il 2013 Melendugno reciterà una parte da protagonista nella zona, per quanto concerne le iniziative dedicate agli ultimi giorni di Carnevale. Verranno distribuite stelle filanti, fischietti e coriandoli, che un tempo erano fatti con i semi di una pianta chiamata, appunto, coriandolo, tuffati nel gesso e lasciati seccare. I primi coriandoli di carta furono probabilmente inventati da un milanese che li distribuì ad una festa di carnevale per bambini.

Il carnevale di Melendugno è uno dei più antichi d’Italia: grazie ad alcuni documenti le prime tracce di festeggiamenti in città vengono fatte risalire a tempi lontanissimi. Tante sono le caratteristiche peculiari del carnevale di Melendugno, tra queste sicuramente la presenza dell’ape Mielina, il personaggio che rappresenta la manifestazione del Carnevale di Melendugno: rimanda alla produzione del prelibato e ricercato miele qui prodotto da secoli. Infatti lo stemma civico reca l’immagine di un pino con uno sciame d’api.
Nell’antichità, il territorio di Melendugno era caratterizzato da fitte macchie e boscaglie, all’interno e da una zona paludosa e malsana sulla costa: è qui che si cominciarono a sfruttare i fiori per la produzione del miele.
Melendugno celebra con la maschera Mielina, quella che è la risorsa più grande per l’intera cittadina: il miele, nelle sue varietà come il miele di corbezzolo (o miele amaro), raccolto in dicembre e gennaio, e il miele di melata, derivato dalle secrezioni zuccherine degli afidi.
La maschera di Mielina rimanda direttamente alle feste, ai balli, agli eccessi ed a quel ribaltamento degli ordini sociali e gerarchici, che da sempre ha contraddistinto questo periodo di piacevolezze e trasgressioni a Melendugno. Infatti lo spirito del Carnevale “moderno” nacque appunto dall’esigenza di concedere, specie ai ceti più bassi, un periodo interamente dedicato al divertimento.
A Melendugno si potrà diventare anonimi e riversarsi nelle festanti piazze, per balli e danze: questa partecipazione collettiva al divertimento viene anno dopo anno recuperata a Melendugno, dove trova terreno fertile per diventare uno straordinario spettacolo di fama nazionale.
Trascorrere il carnevale a Melendugno, sarà un’ottima occasione per gustare anche il miele tipico della zona preparato nei vari biscotti al Panpepato, nelle cartellate, negli sgonfiotti al miele, nelle praline al miele, negli struffoli, nei porcedduzzi, nei maritozzi.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *