Mostra a Bari, Le seduzioni della pittura, Riccardo Tota

Mostra a Bari, Le seduzioni della pittura, Riccardo Tota, dal 14-12-2012 al 30-4-2013, Bari
Bari organizza questa mostra: la città lavorato a lungo sul tema, amatissimo, della natura dipinta, dei ritratti e dei paesaggi di Riccardo Trota, con varie esposizioni e molti libri, ma è venuto il momento in cui si avverte la necessità di confrontarsi con qualcosa che ha sempre suscitato una risonanza dilagante: il talento inesplorato di uno tra i più interessanti pittori pugliesi: Riccardo Tota, artista di Andria.
Questa mostra non è in alcun modo una storia del ritratto o del paesaggio, anche se ritratti e paesaggi ne costituiscono l’elemento cardine e centrale. Non lo è, perché mai ha voluto esserlo; è invece il racconto delle seduzioni della pittura di Riccardo Tota, raccontato alla Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto” di Bari.

La ricca esposizione delle opere di Tota, porterà alla conoscenza del pubblico l’interessante personalità di questo artista che si contraddistingue per la straordinaria forza introspettiva dei suoi ritratti e per il magico fascino dei suoi paesaggi. Le seduzioni della pittura, che danno il titolo alla mostra e che sono spiegate anche nella filosofia, nella poesia, nella letteratura in senso più ampio, non sono solo osservazione di occhi stupefatti, nelle opere di Tota, ma sono anche parte del corpo, contatto con l’aria dei paesaggi che si definisce nei colori della visione. Le seduzioni di Tota sono una meravigliosa complessità, e per questo Bari ha voluto dedicarvi una mostra.

La rassegna composta da ben 124 opere tra disegni e dipinti, resterà aperta ai visitatori fino al 30 aprile 2013, ed è promossa dalla Provincia di Bari col contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia. La mostra gode, inoltre, dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Il percorso espositivo si articola secondo uno sviluppo cronologico e tematico dell’attività di Tota dalla fine del secondo decennio sino agli anni Settanta del Novecento. Nel titolo “Le seduzioni della pittura” si indica un punto di partenza e un parziale punto di arrivo, a indicare un percorso lungo un secolo, e la complessità di una storia carica di suggestioni. Le seduzioni di un uomo accanto a una apanna, le seduzioni interroganti e attonite di una figura che appare in una casa, le seduzioni della certezza dell’essere nel mondo.
I dipinti provengono da collezioni private napoletane e pugliesi tra le quali emerge quella del figlio dell’artista, Bruno Tota. A questi si aggiungono opere di proprietà pubblica  come Pinacoteca Provinciale di Bari, Città di Andria, Istituto Tecnico Commerciale “P. Giannone” di Foggia, Galleria d’Arte Moderna di Roma, Senato della Repubblica.

Con “Le seduzioni della pittura”, nasce una nuova modalità di accedere alla mostra godendo della riservatezza e della tranquillità di una visita guidata all’interno della Pinacotea Giaquinto. Per tutta la durata dell’evento, sarà possibile acquistare un biglietto comprensivo di accesso all’esposizione, visita guidata approfondita con le migliori guide selezionate e formate direttamente dal curatore Clara Gelao, direttrice della Pinacoteca, la quale ha condotto anche una indagine scientifica sul Tota insieme ad un team di studiosi, i cui contributi critici sono confluiti nel catalogo, edito da “arte’m, Napoli” dove sono riprodotte tutte le opere in mostra. Il catalogo rappresenta un lungo viaggio che comincia in Puglia all’inizio del Novecento fino a giungere alle opere più recenti con ritratti pieni di sguardi che si rincorrono, volti sui quali si è posato il tempo, in cui si può “leggere” il procedere della storia dell’arte di Tota, il suo gusto finissimo della pittura, la sua evoluzione.
Nel corso della mostra inoltre si svolgeranno numerose iniziative collaterali, conferenze sui pittori pugliesi e napoletani suoi contemporanei, visite guidate, concerti.
Le opere in mostra, permetteranno di apprezzare come ogni dipinto diTota sia caratterizzato diversità e pur tuttavia dalla continuità con quello precedente. Osservando ogni quadro, si potranno scoprire le peculiarità dell’artista pugliese e sentire il battito forte del talento che si esprime, la sua pienezza raggiunta.

Per info:
Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto”
Via Spalato 19 / Lungomare Nazario Sauro 27,
Bari
Tel. 080/ 5412421-2-3-4-5-6-7

Orario: dal martedì al sabato: 9.00 -19.00; domenica: 9-13; lunedì e festività infrasettimanali chiuso.
Ingresso: adulti € 2,58; minori di 18 anni e ultrasessantenni: gratuito.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info
{IMU_468_60}

I commenti sono chiusi.