Mostra delle Feste Patronali a Grottaglie

A partire dal 4 agosto 2012, nella fantastica cornice di Grottaglie (Taranto) prenderà il via un progetto di promozione turistica, religioso e culturale, dedicato alle feste patronali della regione Puglia. Si tratta di un suggestivo omaggio al variegato mondo delle feste patronali in Puglia, raccontato attraverso le immagini del fotografo grottagliese Ciro Quaranta. 
I valori della tradizione, il senso e l’intensità propria delle feste patronali in Puglia, sono ben documentati in questa mostra, che narrerà dei momenti della festa che si svolge con lo stesso entusiasmo in qualsiasi città, paese, quartiere o chiesetta di campagna per chi è stato eletto a sua protezione.
Alcune delle immagini di Ciro Quaranta hanno soprattutto un valore antropologico in cui emergono i volti, i retroscena e le condizioni di un mondo, che ai più, risulta obsoleto e sconosciuto ma che continua ad avere un importante filo diretto tra un passato ricco di storia e tradizioni ed un futuro quanto mai incerto.

Le feste patronali, vengono tradizionalmente suddivise in 5 categorie in Puglia: sagre a mare, carri trionfali, pellegrinaggi, cortei storici e i fuochi. Ognuna di queste feste verrà rappresentata a partire dal 4 agosto per inaugurare la manifestazione eno-culturale “Vino è…musica” nel Quartiere delle Ceramiche a Grottaglie.
Si tratta di un excursus lungo i ricchi sentieri della tradizione popolare e della produzione storico-tradizionale della Puglia, la cui visione passa dal folklore alla poetica delle statue, dai rituali ai culti religiosi.
Questa, sarà la prima mostra dedicata alle Feste Patronali di Puglia, a cura di Simone Mirto e Mimmo Vestita, e partendo dagli eventi religiosi e culturali, consentirà anche di valorizzare le particolari attrattive naturalistiche, enogastronomiche e produttive in generale, di scoprire territori ricchi di storia e tradizioni, favorendo un turismo sostenibile destagionalizzato, moltiplicando le opportunità e le occasioni di sviluppo sociale e culturale della Regione Puglia.
Dal Gargano al Barese, dal Salento al Tarantino, le celebrazioni religiose e civili sono uniche, ma accomunate da elementi cardine quali le bande musicali, le luminarie, i fuochi d’artificio ed in generale il clima di allegria, gli odori, i sapori e la confusione che si respirano nei giorni della Festa per eccellenza.

Il  progetto, una collaborazione tra il Comune di Grottaglie e l’Assessorato Regionale, si inquadra in un contesto ben più ampio di incentivazione e di sostegno per la cittadina che pone l’accento sulle sue tipicità, sulle sue tradizioni, sulla sua storia, sulle sue sagre: un opportunità di farsi riconoscere tra le numerose altre bellezze della Puglia, attraverso le immagini fermate nel tempo da Ciro Quaranta.
Si ammireranno scatti in cui la festa patronale ha messo in programma concerti, danze e banchi di beneficenza; scatti in cui nella festa patronale il divertimento è rappresentato dagli stand gastronomici, o dalla discoteca mobile, o dal ballo liscio, o da pizziche e tarante; scatti in cui la festa patronale da sempre caratterizza la vita locale contadina e artigianale: scatti delle solenni processioni dove si è cercato di fermare il tempo, per poter apprezzare e conoscere gli usi, i costumi e la vita quotidiana degli avi.
Corposa anche la sezione dedicata alle Bande, oggi musicisti professionisti ma un tempo artigiani, contadini o commercianti istruiti dai maestri di cappella che portano in giro per i paesi dell’Italia e all’estero un pezzo della tradizione di Puglia.
Suggestiva la sezione dedicata alle luminarie: oggi questa tipica usanza di vivacizzare un determinato luogo  in occasione di una festa patronale, non è solo
specifico per l’impronta devozionale, ma si è diffusa anche nei rituali civili, per le feste e le sagre, a Ferragosto e ogni qual volta abbisogna diffondere un prodotto commerciale. Le motivazioni possono essere varie e tante, ma l’uomo ha voluto sempre arricchire la festa soprattutto del Santo, di luci, di arredo, di gioia.   Oramai il mondo delle luci trasforma le feste, e questa ricerca, seppure solo fotografica,  potrebbe ampliarsi a dismisura sullo studio della luce nelle feste, negli spettacoli, nell’arte, nelle città, nell’arredo.

Sarà proprio passando sotto una luminaria che si accederà alla seconda parte della mostra, quella riservata alle statuette votive vendute ai fedeli in occasione delle feste patronali. I santi e le loro immense statue rimangono protagonisti sugli altari fino all´Ottocento, quando l´arte sacra, fissata in forme stereotipe e ripetitive, è rivolta quasi esclusivamente a soddisfare una devozione popolare che nelle rassicuranti serie dei “santini” e delle piccole statuette trova le sue immagini di riferimento.
A Grottaglie saranno esposti santi in terracotta realizzati tra la fine dell’Ottocento e la metà del Novecento dai ceramisti di Grottaglie. La statuaria fu la grande novità di quando gli altari, i tramezzi, i pilastri si arricchirono di figure scolpite che completaro la dimensione monumentale dello spazio sacro; le piccole statuette invece facevano parte di un dialogo costante nella vita di ogni giorno tra l’uomo ed il sacro.

Per info:
Casa Vestita
via Crispi 63/a, Grottaglie (Ta)
Orari: tutti i giorni ore 18.00 – 23.00

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *