Niurumaru festival, la festa del vino a Lecce

Tra gli itinerari turistici più apprezzati in Puglia, una regione che ha come punti di forza l’enogastronomia e la natura, ci sono sicuramente quelli del vino.
Vari itinerari enoturistici attraversano il Salento, segnando dei percorsi alla scoperta di cantine e vigneti, immersi in un paesaggio naturalistico e rurale dove la produzione del buon vino si sposa con la buona cucina.
Il 20 e 21 ottobre 2012, le vie del cuore antico della città di Lecce tracceranno un suggestivo percorso guidando gli appassionati alla scoperta delle sublimi sfumature del vino.

Solo al “Niurumaru” festival si potrà gustare un eccellente Negroamaro, dedicato alla sensuale femminilità tipica delle donne salentine. Un’antica leggenda racconta che per ottenere un buon vino “niurumaru” (negroamaro) esclusivamente donne dai lunghi capelli neri si dedicassero alla vendemmia ed alla successiva pigiatura a piedi nudi nei tradizionali tini di legno.

Il Negramaro viene prodotto nell’ntroterra del Salento, con una varietà di uva detta pèroprio Negroamaro, prevedendo un’età media della vite di 10-15 anni
Il Negramaro è un vino di circa 13,5% vol, ottenuto dalla spremitura soffice delle uve, e da una lunga fermentazione con il controllo della temperatura. Il segreto è un successivo e breve passaggio in legno.
Solo così il colore rosso rubino intenso e ben strutturato del Negramaro, “Niurumaru”, viene fuori appieno: fresco, gradevolmente morbido al palato, ampio ed intenso nei profumi di piccoli frutti rossi, è apprezzato dai migliori intenditori.
Al festival non mancheranno meravigliosi abbinamenti gastronomici, perchè il Negramaro è complice per cene romantiche, anche se accompagna piacevolmente primi piatti tipici del Salento, carni arrosto ed al forno.

L’attenzione dei turisti che giungeranno in Salento in occasione del “niurumaru” festival, dovrà rivolgers anche alla storia, alla natura e alla cultura del Salento, di cui il vino fa parte: musei, monumenti, piccoli borghi storici. Il vino del Salento racconta l’ambiente, il mare e i vigneti, i parchi e il turismo, le feste e le manifestazioni che si tengono all’interno dell’anno e la tipicità della cucina salentina.
Coi famosissimi formaggi a pasta dura del Salento, infatti è indicato il vino Salice Salentino D.O.C. rosso, che prende il nome dell’omonimo comune posto a nord ovest di Lecce. La zona a denominazionedi produzione appartiene al medio Salento, territorio particolarmente vocato per la viticoltura. La varietà d’uva da cui si ricava è la Malvasia Nera, e l’invecchiamento in botti di rovere rende il prodotto eccellente.

Si accendono a Lecce, dunque i riflettori sul vino che quest’anno si appresta a scrivere una straordinaria stagione all’insegna della qualità. Sono previste anche degustazioni, visite guidate, raccolta delle olive e masserie didattiche presso i migliori frantoi del territorio, con l’obiettivo di accendere i riflettori sui vini salentini.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *