Officine filosofiche: pomeriggi rinascimentali in terra d’Otranto

Una serie di seminari nel Salento, inseriti in un progetto di crescita culturale del territorio, si terranno nella vivace cittadina di Specchia tra il Castello cinquecentesco Protonobilissimo Risolo, la Chiesa parrocchiale della Madonna dell’Assunta del 1605 e la Cappella di Santa Caterina Martire splendidamente affrescata.
Lo scopo è il recupero del patrimonio filosofico del Rinascimento salentino, nel Quattrocento e a partire dagli anni venti del secolo successivo, quando il Salento fu al centro di una fioritura architettonica che ha pochi eguali in Italia, che sarebbe esploso successivamente con il cosiddetto “barocco” leccese.
Altro scopo dei seminari è la rivalutazione di quel vasto microcosmo di autori appartenenti al panorama culturale salentino e pugliese, i quali hanno contribuito al dibattito filosofico tra Quattro e Cinquecento e hanno fatto in modo che la Puglia non avesse un ruolo periferico durante il Rinascimento, come si è ritenuto fino ad oggi sulla base di alcuni pregiudizi.

Il progetto vanta il patrocinio oltre che del Comune di Specchia – assessorato alle Politiche Giovanili-, dell’ Università del del Salento, dell’ Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento Meridionale che da decenni ormai studiano le carie corti rinascimentali che intrattenevano rapporti costanti con Napoli, la capitale anche se raggiungere Napoli via mare fu per molto tempo sconsigliabile a motivo della costante minaccia rappresentata dagli Ottomani.

Il 25 settembre, parte il primo di questi importantissimi appuntamenti, nella sala convegni del castello Risolo alle 18 con “Pomeriggi rinascimentali in Terra d’Otranto”: il primo dei seminari inseriti nel progetto di “Officine Filosofiche” riguarderà il tema “Sud e Magia”. In nessun altro periodo storico la magia e la stregoneria vennero seguite con altrettanta determinazione come nel Rinascimento in Salento, e le pratiche magiche, considerate da certi strati della società stregoniche o diaboliche, rappresentarono d’altro canto il massimo della conoscenza scientifica di quell’epoca.
Gli incontri affronteranno, di volta in volta, un tema differente, e vedranno la partecipazione di importanti studiosi in un clima di confronto ed apprendimento comune coi cittadini coinvolti.
Questi seminari saranno organizzati a cadenza bimestrale, in forma itinerante, nei principali comuni del territorio salentino.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *