Parabita e la leggenda della Madonna SS. della Coltura.

dal 7-6-2015 al 9-6-2015 #festeparabita #mariasscoltura #festesalento

In Salento, fin dall’antichità le feste erano dei giorni destinati al festeggiamento di ricorrenze religiose con una parte “sacra” e una parte “profana”, una parte dedicata alla commemorazione di una Madonna e un’altra piena di divertimenti per tutti.

Parabita e la leggenda della Madonna SS. della Coltura.

Questa concezione di festa si è tramandata sino ai giorni nostri e racconta la leggenda risalente a sette secoli orsono, che un contadino, incuriosito dal fatto che i suoi buoi si inginocchiavano sempre allo stesso punto, scoprì sepolta una sacra e bellissima immagine di madonna, dipinta su un masso. Il popolo in processione, commosso e onorato, trasportò nella città di Parabita l’immagine di colei che nominarono “Matonna ta Cutura”.

Anche per il 2015 Parabita si vestirà a festa, in onore della Madonna, e la festa narrerà a residenti e visitatori oltre che della vita e della leggenda della Madonna, anche delle usanze e dei costumi di questa popolazione. In tutto il Salento infatti, oltre le feste nazionali, ci sono tutta un’altra serie di festività religiose per commemorare i patroni delle varie cittadine ma anche per non dimenticare degli eventi passati importanti.

Molto attesi anche i giochi organizzati per la festa del 2015: un gruppo di giovani, i curraturi, simulerà anche quest’anno la corsa del contadino verso il paese per annunciare la lieta scoperta; si fermeranno ai piedi della statua della Madonna, in segno di devozione. Un tempo la corsa partiva dal Santuario, mentre oggi il tragitto si è allungato e parte dal cosiddetto “Paradiso”, l’antica masseria sulla via per Alezio: si chiama infatti oggi “la gara del chilometro”.

Ad accompagnare la festa religiosa, anche per il 2015 è stata organizzata una festa culinaria a base delle specialità tipiche di questa terra: “sagra” deriva da sacra, e sacre devono essere considerate certe manifestazioni che legano una terra ai frutti che quella stessa terra riesce generosamente a dare. Che restituisce dignità ad arti vecchie di millenni, amorevolmente tramandate di padre in figlio, in un intreccio di tradizione, religione e magia.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *