Praesepia 2012, mostra a Foggia

Praesepia 2012, mostra a Foggia, dal 15-12-2012 al 16-12-2012, ore 9.00/21.00, Foggia.

Il mese di Dicembre da sempre si identifica con il Natale: ovunque questo evento viene ricordato in maniera del tutto tradizionale, con dei simboli che fanno parte della più radicata tradizione: con l’albero di Natale che rappresenta il simbolo della fede e della vita, e con il presepe.
In Puglia, fin dai primi giorni del mese, si approntano nelle case i presepi, specialmente nei paesini più piccoli del foggiano, ove, più che altrove, la solitudine e la mancanza di svaghi e distrazioni invitano gli abitanti, nelle lunghe serate d’inverno, all’intimo raccoglimento con parenti e amici.
Per il secondo anno consecutivo, Foggia ha organizzato una mostra del presepio per rilanciare l’antica tradizione: Praesepia sarà presente il 15 e il 16 Dicembre 2012 a Foggia con innumerevoli rappresentazioni presepiali: davanti alla Grotta di ogni Bambino Gesù, con San Giuseppe, Maria, il bue e l’asinello e l’atmosfera allietata dalle più belle nenie, ci si commuoverà, l’animo si ingentilirà e la mente si delizierà alla vista del loro indescrivibile fascino pieno di mistica luce e suggestiva letizia.

E’ con l’orgoglio di chi sa di aver contribuito a rinverdire una tradizione cosi affascinante come quella del presepe, che la città di Foggia metterà a disposizione del pubblico tantissimi presepi da ammirare, perchè quel sentimento religioso e tradizionale tipico della Puglia, che ha ispirato generazioni di artisti e che ancora ispira la costruzione di graziosi presepi, fa in modo che essi siano l’espressione sincera di un’antica tradizione popolare ed artistica, permeata di fede e religiosità, nel contesto di una esistenza equilibrata e sempre volta alla ricerca di una speranza nella Lieta Novella.

Fin dai tempi remoti, di buon mattino il suono ed i canti natalizi nella settimana che precedeva il Natale a Foggia, giungevano alle orecchie di tutti per far sentire la poesia, la gioia dell’Evento.
Fin da allora artisti improvvisati, ma anche affermati e di valore, si cimentavano a creare sempre nuovi tipi di presepi, nei più svariati materiali (corallo, vetro), nuove forme di grotte e paesaggi che poi disseminavano e popolavano di angeli, pastori, contadini, lavandaie, animali, re magi, tutti personaggi che la fantasia dell’artista faceva assomigliare talvolta a personaggi viventi e che rappresentavano, simbolicamente, le attività lavorative. Questi antichi presepi si potranno ammirare alla Mostra.
Nei presepi che si costruiscono oggi talvolta il tassista ha soppiantato i carrettiere, e i re magi sono stati sostituiti dagli astronauti, e anche queste moderne interpretazioni della Lieta Novella, si potranno vedere a Praesaepia.

Ma quel che più affascinerà i visitatori di Praesaepia, sarà il fatto che nei personaggi dei presepi di questa singolare Mostra, non si deve ricercare lo sfarzo dei personaggi barocchi della tradizione pugliese; essi sono interpreti di una verità semplicistica, rustica e poetica al tempo stesso, che commuove l’anima del credente e lo spinge alla preghiera.
Ed infatti accanto a presepi con ingegnosi giochi di luce, fastosi e classici paesaggi, luccicanti zampilli e ruscelli dalle acque cristalline che fluiscono sui prati, si troveranno artisti che hanno lavorato per rendere veri i paesaggi montani, spesso coperti di neve, sotto un cupo ammanto di rami di olivo, di riproduzioni della vegetazione della macchia mediterranea, cosparsi di vitigni infiniti, disseminati da trulli, con qualche menhir lontano. E sempre al centro la grotta,ove da ogni parte confluiranno, per scoscesi e tortuosi sentieri, pastori carichi di doni da offrire al Bambin Gesù.

Molto suggestiva sarà la sezione dedicata ai Presepi del XIX secolo: le creazioni rappresentano la natività in una Puglia agli inizi del 1800, in paesi visti dalla zona artigianale, dove magari sorgono ancora i ruderi, realizzati con mezzi e materiali poveri come per impalcatura, polistirolo, cartoni, gesso, calce, tinta da imbianchini, terra di campagna, corteccia d’albero.

Anche i presepi Medievali sono molto vistati: si tratta di una ricostruzione tradizionale della natività di Gesù Cristo durante il periodo medievale, riproducendo tutti i personaggi e i posti della tradizione, dalla grotta alle stelle, dai Re Magi ai pastori, dal bue e l’asinello agli agnelli, in epoca medievale, e con l’aggiunta di personaggi del periodo.

I visitatori potranno inoltre fare acquisti negli stand che affiancano la mostra: viene infatti organizzato un bellissimo mercatino, vivace, colorato, saturo di odori, che diventerà in quei giorni l’anima di Foggia. Gli espositori, scelti secondo rigidi criteri, mostreranno la manifattura degli oggetti tipici pugliesi riportando in vita antichi mestieri come l’intreccio di cesti, la filatura e la tintura della lana, la lavorazione del feltro e la creazione di pezzi in ceramica. Genuino e chiassoso offrirà prodotti culinari tipici della Puglia nel periodo natalizio, e soprattutto tanti oggettini e idee regalo.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *