Presepe di zolfo

A Santa Cesarea Terme dalla fine di Dicembre, numerosi turisti da ogni parte d’Italia vengono a visitare il famoso Presepe di Zolfo nella grotta Sulfurea. Con le stessa devozione e la fede di ogni anno, la tradizione si rinnova e la leggenda vuole che Santa Cesaria dimorasse nella grotta (oggi detta della Madonna, o Grotta Grande) e le testimonianze di come le acque si dimostrassero benefiche  si moltiplicano nel XV secolo e in quelli successivi.

La cittadina sul mar Adriatico, possiede un caratteristico abitato attraversato da una suggestiva via principale e presenta ricchi edifici quale “Villa Sticchi” risalenti al XIX – XX secolo, sicuramente da visitare. Da sempre nota per le sue acque sulfuree e termali, Santa Cesarea presenta questo fenomeno, conosciuto fin dai tempi più antichi che è stato collegato a varie leggende pagane attribuendo la presenza dello zolfo all’eccidio dei giganti titani da parte di Ercole, fino ad arrivare ai primi anni del 1800 quando si iniziarono ad effettuare le prime analisi delle acque che furono dichiarate solfuree.

I riti del Natale e l’allestimento del presepe,  conservano immutati, ancora oggi, la loro straordinaria forza.
Ogni anno, in particolare il 24 dicembre si rinnova la possibilità di vedere il Presepe di zolfo che viene allestito nella grotta Sulfurea: il Salento, tra natura, fede, superstizione, miracolo o suggestione, è caratterizzato dal fenomeno del carsismo che ha favorito nel corso dei secoli il formarsi di grotte che hanno accolto nel loro interno insediamenti umani già in epoca preistorica. Viene così allestita una scenografia che restituisse un’atmosfera degna dell’evento: così materialistico, il presepe nella grotta invita a ritrovare il vero significato della festa, e sicuramente contribuisce a un risveglio della fede con la vera riscoperta del significato del presepe.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *