Presepio in pietra leccese

Copertino dal centro storico racchiuso da antiche mura, festeggia il Natale in modo semplice: l’essenza di questa terra riverbera nei suoi prodotti locali, fatti di materie semplici, come la pietra, che prende vita nelle mani degli artisti locali dei tempi passati e che rivivono oggi, grazie alle sapienti lavorazioni dei maestri artigiani del posto.
In Piazza del Popolo, per secoli l’unica Piazza Pubblica di Copertino, oggi animata da numerose attività  artigianali e commerciali, le bancarelle di natale espongono numerosi oggetti in pietra grazie alla creatività di tanti artigiani: la pietra prende vita nelle forme più graziose e particolari, e a volte un po’ curiose, come orologi, soprammobili, ferma-carte, lampade. Dato il periodo si troveranno anche statuine del presepe e tanti paesaggi, per un mondo in miniatura, una cartolina tridimensionale di Copertino e dei suoi scorci più belli.

La pietra leccese come è noto, è una morbida roccia che ben si addice alla lavorazione per la sua natura calcarea che la rende facilmente plasmabile. Fin da tempi memorabili è stata scelta quale pietra elettiva per gli incredibili intarsi barocchi, vere e proprie opere d’arte che possiamo ammirare ancora oggi nelle chiese salentine.


Il presepe in pietra leccese del 1500, è esposto nella chiesa matrice Santa Maria ad Nives a Copertino che il 3 luglio scorso è stata dichiarata “Basilica Pontificia Minore”, con gran orgoglio dei cittadini.
In questo periodo natalizio la chiesa appare sempre stracolma di gente anche sulle navate laterali e sul sagrato, in visita allo splendido presepe, unico nel suo genere.
Questa chiesa, per la sua particolare importanza storica, artistica e religiosa, è legata  con la Chiesa romana e il Sommo Pontefice, con specifici compiti e privilegi, riservati alle Basiliche Pontificie Minori, dunque è nota in tutta Italia: la locazione del presepe in pietra leccese, non poteva essere migliore.
Il presepe storico in pietra leccese, riproduce fedelmente i luoghi dell’evento, in riferimento alla vita in Palestina ai tempi di Gesù. Le statuine sono in stile orientale, le case sono realizzate con pietre o mattoni e appaiono basse e a forma cubica, con porte sostenute da architravi in legno di olivo, tipico della zona, finestre piccole, tetti piatti o sormontati da cupole.
Il paesaggio di Betlemme è costituito da colline modellate anch’esse nella pietra e su una di esse è costruita la città. Le rocce sono di colore ocra tendente al rosato.Gli utensili e la vegetazione, tutto ricostruito in pietra, sono tipici del luogo.

Non potrà mancare una visita al Castello Angioino, sorto in epoca normanna-sveva, e costruito ad opera dellarchitetto militare Menga: nei pressi, strade illuminate e vetrine addobbate, e il freddo pungente che accompagna una grande energia nell’aria, tra musiche che riecheggiano lungo i grandi viali e tanti, ci saranno spettacolari eventi organizzati dalla cittadina.

Dalla Rubrica Eventi in Puglia di Puglia.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *